Messaggero Veneto: Si cambia modulo, Iachini vara il 4-3-2-1 e pensa a Evangelista

Messaggero Veneto: Si cambia modulo, Iachini vara il 4-3-2-1 e pensa a Evangelista

Il tecnico ha provato anche il doppio trequartista nel test. Deludente la risposta sul campo davanti a Gino Pozzo

Commenta per primo!

Apertura del Messaggero Veneto con il punto della situazione in casa Udinese.

 Due giorni alla già delicata sfida con l’Empoli e lo stato dell’arte, in casa bianconera, suggerisce di fare attenzione ai molteplici segnali che arrivano dal Bruseschi. È lì, infatti, che Beppe Iachini sta cercando di dare anima e nuova forma a un’Udinese che non sembra proprio il ritratto della salute di questi tempi. Più degli acciacchi di Peñaranda, annunciato comunque recuperabile dopo due giorni di lavoro differenziato, di Armero (problema alla schiena) e di Rodrigo De Paul, con l’argentino toccato duro sulla caviglia sinistra nel corso della partitella di ieri, a preoccupare sono le difficoltà legate alla manovra, anche in allenamento. Se ne sono accorti i tifosi, presenti anche ieri per vedere il galoppo in famiglia allestito dopo avere cambiato idea, rinunciando all’annunciato test con la squadra Primavera, e se n’è accorto anche Gino Pozzo, serafico a bordo campo assieme al fido procuratore Claudio Vagheggi, per seguire da vicino i lavori in corso. Ebbene, nella cinquantina di minuti in cui si è giocato, si è ancora materializzato il problema del gol, un derivato delle poche conclusioni, dell’imprecisione degli attaccanti e, prima ancora, di un’evidente difficoltà a interpretare le due novità tattiche che Iachini sta provando per l’Empoli. La prima riguarda il passaggio alla difesa a quattro, sulla quale il tecnico ha lavorato fin da inizio settimana, dopo aver preso atto della lunga assenza a cui sarà costretto Thomas Heurtuax; la seconda, invece, è legata al possibile doppio trequartista alle spalle di un’unica punta di ruolo. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy