Messaggero Veneto: Sulle spalle di Okaka: il centravanti c’è

Messaggero Veneto: Sulle spalle di Okaka: il centravanti c’è

Stefano protagonista a Torino, nonostante il gol annullato. Chi tra Lasagna, Pussetto e De Paul nell’attacco salvezza?

di Redazione

L’analisi del Messaggero Veneto sulla situazione in casa Udinese.

. L’Udinese non c’è, Stefano Okaka sì. È chiaro che, parlando di uno sport di squadra legato in maniera imprescindibile ai risultati, le prestazioni del centravanti arrivato dal Watford suonano come una vittoria di Pirro, ma già adesso si può dire che con lui in bianconero dalla scorsa estate probabilmente le cose avrebbero preso un’altra piega, non tanto per i gol che riesce a garantire, ma per il contributo alla manovra che adesso sta aumentando di volume nella fase d’attacco. Una crescita tardiva, si dirà: ora l’Udinese dovrebbe poter garantire ben altre risposte per sfuggire dai fantasmi della retrocessione, ma è indubbio che se uno pensa positivo riguardo al finale del campionato, in questo scenario Okaka ha un ruolo ben definito. Quello del centravanti che mancava.Le risposteStefano ha già segnato un gol (contro il Parma) nelle sue prime quattro partite all’Udinese. Tre delle quali con i galloni del titolare. Un altro lo avrebbe meritato la scorsa domenica a Torino, dove è stato senza ombra di dubbio il miglior bianconero “di movimento”, come si suol dire, visto che l’altro protagonista della sfortunata trasferta è stato il portiere Musso. Punto di riferimento là davanti, protagonista di corpo a corpo vigorosi con il veterano Moretti (che ha usato tutto il proprio repertorio di esperienza, aiutato dalla poca attenzione prestata nei duelli dall’arbitro Guida), Okaka aveva segnato con un destro da fuori area la rete dell’1-1 al minuto numero 89, annullata dopo un’interminabile sessione davanti allo schermo del Var dal direttore di gara, per un fuorigioco ritenuto influente di Lasagna che stava correndo sulla traiettoria del tiro. Una decisione contestata da squadre e società. Un peccato, per il risultato e per la carica che quel destro aveva dato all’Udinese come complesso, una “botta” di adrenalina che lo stesso Okaka ha esternato, correndo sotto lo spicchio di curva dello stadio Grande Torino occupato da un centinaio di tifosi friulani, rimasti rigorosamente in silenzio in ossequio allo “sciopero dei cori” deciso un paio di settimane fa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy