Messaggero Veneto: Zamparini «Il nome importa meno»

Messaggero Veneto: Zamparini «Il nome importa meno»

Lunga intervista a Maurizio Zamparini nell’apertura del Messaggero Veneto.

 «L’importante per Udine è che ci sia il nuovo stadio, il nome è relativo. Se a Palermo arrivasse qualche socio arabo e mi costruisse il nuovo impianto pretendendo di chiamarlo “Dubai”, non avrei problemi ad accontentarlo».

 Invidia un po’ Pozzo che in questa classifica si è piazzato al secondo posto alle spalle della Juventus? «L’invidia è un sentimento che non mi appartiene. Quando vedo che c’è un progetto fatto bene mi limito a rimarcarlo e Pozzo con lo stadio è riuscito a fare una bella operazione. Bravo lui e bravo il sindaco Honsell che ho conosciuto di persona».
Il Palermo quando riuscirà ad avere la sua nuova casa? «Quando avrà un primo cittadino come quello di Udine».
Udinese e Palermo dopo la prima giornata sono in testa alla classifica. Se l’aspettava? «Beh, se dicessi che avevo pronosticato la vittoria friulana a Torino con la Juve sarei eccessivo. Però a inizio stagione, si sa, le sorprese sono più frequenti».
Ma il successo dell’Udinese allo Stadium è tutta colpa di Allegri? «Ma no, io non ho detto questo. Ho risposto a una risposta in cui mi si chiedeva cosa pensavo del fatto che Allegri sostenga che Dybala pensa di essere ancora a Palermo e io ho replicato che Dybala ha dimostrato di essere da Juve, Allegri non ancora».
Con Gilardino avete messo a posto l’attacco? «Direi di sì, è una punta molto adatta al nostro tipo di gioco. E segnatevi questo nome: Djurdjevic. É più forte di Belotti».
 Sono state tante le sorprese nella prima giornata. Lei pensa che ci sarà più equilibrio rispetto allo scorso anno? «No, sarà il solito campionato. La classifica comincerà ad assestarsi verso la decima giornata, non prima». 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy