Udinese-Atalanta: le pagelle dei quotidiani

Udinese-Atalanta: le pagelle dei quotidiani

I giudizi e i voti espressi dai quotidiani nazionali e locali

di Redazione

I giudizi e i voti espressi dai quotidiani nazionali e locali.

Messaggero Veneto

BIZZARRI 7 – Kurtic è bravo a prendergli il tempo e a non dargli nemmeno la possibilità di reagire sul diagonale sul secondo palo. Fino al calcio di rigore quello è l’unico tiro nello specchio della porta degli ospiti e questo la dice lunga sulla prestazione difensiva dei friulani. Quando l’arbitro assegna il rigore all’Atalanta lui diventa uno degli eroi della giornata neutralizzando la conclusione di Cristante.

LARSEN 6 – Piazza la diagonale un attimo di ritardo e Kurtic riesce a fargli passare il pallone sotto la gamba. È suo il cross da cui scaturisce il calcio di rigore. Nel secondo tempo tiene bene la sua zona di competenza lasciando poco e niente agli avversari. In crescita dal punto di vista fisico.

DANILO 7 – La giocata più preziosa della sua partita la piazza al tramonto della gara quando va a respingere quasi sulla linea la conclusione di Vido che sembra destinata in fondo al sacco. Prima aveva fatto quasi tutte le cose giuste, comprese due chiusure in scivolata.

NUYTINCK 6 – Piazza un anticipo azzardato dopo trenta secondi al quale poi riesce a porre rimedio. Anche lui “esce” troppo nell’azione che porta al vantaggio dell’Atalanta. Per il resto tiene bene e se Petagna disputa la partita peggiore della sua annata forse un po’ di merito è anche suo.

ADNAN 6,5 – Forse ci siamo. A forza di insistere le “lezioni” di Gigi Delneri hanno migliorato anche la fase difensiva dell’iracheno. Lui e Del Paul si fanno sorprendere una sola volta da uno scambio Ilicic-Castagne, nel finale gli scappa Orsolini. Si mette in evidenza con un sinistro dalla lunghissima distanza che esce di poco con Berisha che sembrava ormai fuori causa.

INGELSSON 6 – Un paio di buone imbucate dimostrano che ha senso del gioco e piede mancino abbastanza educato. Dopo una ventina di minuti Delneri lo piazza a sinistra e in quella posizione entra meno nel gioco. Non è veloce come dimostra il recupero in scivolata di Masiello. Per essere all’esordio in serie A la prova è positiva.

FOFANA 5,5 – Il pubblico dopo una serie di passaggi sbagliati comincia a beccarlo. Delneri lo chiama a bordo campo e gli regala un buffetto e qualche consiglio. Disegna un lancio perfetto per De Paul poi continua la sua prestazione poco convincente anche quando viene mandato a fare il trequartista dietro Maxi Lopez. Poco sereno, quando esce viene applaudito.

BEHRAMI 7 – È uno dei bianconeri che ha sulla coscienza il primo gol: esce fuori tempo su Toloi lasciando un buco enorme nel quale il difensore dell’Atalanta va a infilarsi prima di “assistere” Kurtic. Un errore in mezzo a una partita fatta di grande intelligenza tattica e di recuperi che stavano evidenziando una condizione fisica importante. Poi lo blocca un nuovo infortunio muscolare.

BARAK 7,5 – Secondo gol da tre punti in quattro giorni per il ceco. La perla impreziosisce una prova fatta di grande sostanza. È un autentico carro armato difficile da spostare e con un sinistro che fa male.

DE PAUL 6,5 – La prima giocata all’altezza delle sue qualità la confeziona nel recupero quando trasforma il rigore del pareggio. Prima aveva sbagliato tutto, compreso un gol solo davanti a Berisha: non si può calciare così debolmente soli davanti al portiere.

MAXI LOPEZ 5,5 – Un paio di buone sponde all’inizio, poi soffre i regolari anticipi di Toloi e Caldara che gli portano via il pallone prima ancora che possa tentare il controllo. Si mangia la sufficienza con quel inopinato fallo da rigore su Cristante. Cena pagata al connazionale Bizzarri.

HALLFREDSSON 6 – Tocca a lui quando Ingelsson ha finito la benzina. Rispetto alle ultime uscite risulta molto utile nella gestione del pallone. Con esperienza si guadagna un paio di falli

MATOS 6 – Subentra a Fofana. Ricopre tre ruoli: esterno, destro, poi sinistro e mezza punta. Porta il suo contributo alla causa.

WIDMER S.V – Entra nel finale al posto di Behrami a difesa del fortino.

 

 

Gazzetta dello Sport

BIZZARRI 7 – Non benissimo sul gol di Kurtic, ma il rigore parato lo emenda da ogni peccato.

LARSEN 6 – Terzino soldatino, un suo cross provoca la ‘bracciata’ di Spinazzola da cui il rigore dell’1-1.

DANILO 6,5 – Difensore risoluto e risolutore. Entra con decisione, mai con cattiveria. E solletica Berisha con una ‘papagna’ da fuori.

NUYTINCK 6 – Meno appariscente di Danilo e agevolato dalla giornata scura di Petagna.

ADNAN 6,5 – Trottolino di fascia, sfiora la candidatura per il gol della domenica con tiro venefico, girante e spiovente.

BEHRAMI 6,5 – Ha ragione Delneri, la sua presenza scenica è cruciale. Peccato per l’uscita a vuoto su Toloi da cui lo 0-1 e per la ricaduta dell’infortunio. WIDMER S.V.

INGELSSON 6 – Diciannovenne svedese al debutto in A: ha fisico, manca di rapidità. Buona la prima.

HALLFREDSSON 6 – Dentro per Ingelsson: iniezione di robustezza ed esperienza.

BARAK IL MIGLIORE 7 – Ceco per nazionalità, ci vede alla grande nell’attimo fuggente del 2-1: tiro formidabile. Esibisce fisico, tecnica e personalità. Interessante.

FOFANA 5 – Dispersivo e ‘veneziano’ da interno, più utile da trequartista (gran palla per De Paul). Deve mettere logica, sennò resterà inchiodato allo status di eterna promessa.

MATOS 6 – Entra per Fofana, però non ne rileva le funzioni di trequartista: Delneri lo dirotta sulla sinistra, dove si sacrifica per la causa.

DE PAUL 6 – Ha stoffa, ma non si capisce bene in quale ruolo dia il meglio.

MAXI LOPEZ 5 – Statico nell’area altrui e dannoso nella propria: provoca il rigore su Cristante.

DELNERI 7 – Il naufragio con la Juve è alle spalle. Sei punti in due gare, la nave va. Contro l’Atalanta fa lo scacchista. Muove molto i suoi pezzi e nei quadri giusti.

Corriere dello Sport

BIZZARRI – 6,5

STRYGER – 6

DANILO – 6,5

NUYTINCK – 6

ALI’ ADNAN – 6,5

FOFANA – 5   MATOS (11′ s.t.) – 6

BEHRAMI  – 6,5    WIDMER (39′ s.t.) – S.V.

BARAK – 7

INGELSSON – 6  (17′ s.t.) HALLFREDSSON – 6

MAXI LOPEZ – 5

DE PAUL – 6

DELNERI – 6,5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy