Calori e Pellegrini: Manca qualità a questa Udinese

Calori e Pellegrini: Manca qualità a questa Udinese

Commenta per primo!

La situazione in casa Udinese non è di certo solare. “Non è stata una partita facile col Genoa che gioca davvero bene. Questa Udinese ha certe caratteristiche, subisce nelle ripartenze. Non ha ancora chi detta i tempi di gioco, Lodi è appena arrivato. Non è mai stato dinamico, ma come tecnica può cambiare fronte di gioco, ha un ottimo pire sulle palle inattive, fino ad oggi uno con queste caratteristiche non c’era, Iturra del resto è diverso”, afferma Alessando Calori ospite della trasmissione di Lorenzo Petiziol su Radio Spazio. “C’è da dire che non c’è tantissima qualità. C’è sempre stato un bomber da 25 gol, ma gli anni passano per tutti e non ci sono alternative a Di Natale”.
Uno dei problemi è anche Fernandes che non riesce a dare fantasia: “E’ un ’94 che forse non ha ancora trovato la sua collocazione ideale, anche se secondo me è un centrocampista offensivo, anche se duttile”.

Ma la qualità che manca è sottolineata anche da Stefano Pellegrini: “Negli anni si va impoverendo il centrocampo dell’Udinese. Quando c’è qualcuno di affidamento poi viene venduto, Allan è l’ultimo caso, ma anche Zielinski era un giocatore tecnico. Se si impoverisce la squadra delle fonti di gioco anche Di Natale ne soffre”.

L’ex terzino si è eclissato volutamente dal mondo dal calcio per dedicarsi alla sua attività immobiliare, ma il perché il calcio non piace è presto spiegato: “Sembra un’utopia sentire certe formazioni dove c’erano il 70 per cento di italiani. Mi chiedo come mai non sia possibile ricreare una realtà così. Ci sono Sassuolo, Atalanta che tentano, tutto questo per me porta solo disaffezione, mia che no ho poca, ma anche verso chi si affaccia a questo mondo. Non vedo come ci si faccia ad affezionare”

Obiettivo, infine, sulla salvezza: “Ci sono tante squadre inferiori a mio parere all’Udinese”, afferma Calori. “Ovviamente dopo 10 partite si capirà meglio qual è il ruolo di questa squadra. Il calcio è anche volubile, vedi il Napoli che aveva messo in croce Sarri e ora parla di scudetto. Comunque per salvarsi credo che se la possa giocare alla grande”

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy