Fanna: “I moduli non fanno le partite. Conta la motivazione”

Fanna: “I moduli non fanno le partite. Conta la motivazione”

Udinese-Verona, derby salvezza. Dove Colantuono potrebbe cambiare modulo. Ma secondo Pierino Fanna questo potrebbe essere “un indice che ancora non c’è una fisionomia certa”.

Commenta per primo!

Pierino Fanna, friulano di nascita, veronese d’adozione, non ha dubbi sul derby di domenica al ‘Friuli’ tra Udinese e Hellas: “Il Verona ha un campionato in salita, a Udine leggo che c’è molto nervosismo. Sta meglio l’Udinese come punti, ma se i gialloblu dovessero vincere riaprirebbero i giochi. Stanno bene e arrivano con la consapevolezza di poter fare l’impresa”.

Udinese che sta disilludendo le attese. Una squadra che nessuno avrebbe visto come invischiata nella lotta per non retrocedere: “La realtà dell’Udinese è che da anni fa grandi campionati: ci sono grandi aspettative, è tata la prima società a capire come fare mercato. Ora è chiaro che dopo l’addio di Guidolin, uno che programmava e che ha poto costruire,  i risultati non sono andati di pari passo con le attese. Si era abituati a vedere l’Udinese non più come una provinciale in lotta per salvarsi”.

Al Verona quest’anno, invece, può essere mancato Toni. “Non puoi puntare solo su un giocatore, anche se Toni in due anni e mezzo ha illuso tutti con i suoi 50 gol. La squadra è mancata come collettivo inizialmente, si è un po’ depressa non vedendo risultati, poi altri infortuni hanno pesato. Certo Toni anche per lo spogliatoio è stata una grande perdita, ma anche Pazzini è venuto meno. Da un mese  e mezzo però la squadra ha cambiato marcia, gioca compatta e questa è la differenza

Domenica, in tanto, Colantuono potrebbe cambiare modulo passando al 4-3-3: “Penso che al di là dei numeri dei moduli, quello che conterà sarà la motivazione e come stai fisicamente. Non cambia molto se l’Udinese gioca con una punta in più, può anche essere n vantaggio per il Verona. Il gioco di Delneri è quello di andare a mettere sotto pressione la difesa avversaria, non specula sul risultato e ha inculcato questa mentalità ai suoi. Cambiare modulo è un indice che ancora non c’è una fisionomia certa“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy