Gasparin: il Watford non toglierà risorse all’Udinese

Gasparin: il Watford non toglierà risorse all’Udinese

Sergio Gasparin ex direttore sportivo tra le altre di Udinese e Sampdoria, conosce molto bene anche il calcio inglese, visto che nel 1999-2000 il ‘suo’ Vicenza viene acquisito dall’Enic, società finanziaria inglese con partecipazioni in numerose società calcistiche europee, che gli affida il ruolo di football director. La sede dell’Enic è a Londra, dalla quale Gasparin si occupa anche dell’AEK Atene, del Basilea e dello Slavia Praga, oltre che del Vicenza.

Ora che il Watford è in premier, Gasparin può commentare come sarà la politica dei Pozzo: «Il mio pensiero è che questa sarà una grande opportunità all’interno delle sinergie del gruppo. Si parla di una realtà che coinvolge più componenti. L’unione fa la forza, non dimenticando un aspetto determinante della politica: la managerialità. Le grandi energie finanziarie derivante dall’approdo in Premier renderanno più floride le disponibilità del gruppo intero. Si porranno fare operazioni importanti con Udine come base. Tutto questo non snaturerà il progetto».

A Udine c’è paura di venire ‘ridimensionati’ proprio con l’arrivo del nuovo stadio. Pozzo però parla sempre di ‘alzare l’asticella’. Come coniugare tutto questo? «Due cose: l’Udinese anche con questo progetto è arrivata in posizioni elitarie, con l’Italia che ha perso un posto on Champions non dimentichiamolo. E’ straordinario. Il progetto con ingaggi sostenibili sarà sempre nel DNA dell’Udinese. Ricerca di giovani e valorizzazione, questa è la sintesi, sarà così anche in futuro, del resto questa è la ricetta di sempre. Ancora una volta la società agirà così, con un modello collaudato ».

Dal futuro al presente. Si incrociano Udinese e Samp, due stagioni diverse: «Il campionato dell’Udinese è stato normale. In Friuli più di qualcuno storce il naso, ma la stagione è stata in linea con le aspettative iniziali. Altre stagioni sono state migliori, ma quest’anno si sta seminando. La Samapdoria, invece, è andata oltre, ha fatto un campionato importante, Mihajolovic ha fatto un lavoro straordinario, trasferendo i suoi valori. Quando un allenatore fa questo allora i successi sono garantiti. Ha ottenuto il massimo » .

A udine tornerà  Muriel, uno dei pochi fallimenti in chiave mercato: « Muriel è un grande talento, un diamante grezzo. A Udine c’è stata una componente solo fisica che ne ha minato il rendimento. Il giocatore è stato ritardato nell’esplosione da vari problemi muscolari, che gli hanno negato la continuità. A Genova è arrivato infortunato, è stato fermo per un po’, ma ha fatto anche prestazioni straordinarie, credo che tutto sommato quest’anno a Genova sia stato positivo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy