Giacomini vs Fedele: Il giudizio universale!

Giacomini vs Fedele: Il giudizio universale!

Sembrerebbero a prima vista il gatto e la volpe. però in questo caso i loro giudizi sull’Udinese 2015/15 sono abbastanza coerenti tra loro. Massimo Giacomini e Adriano Fedele, storici tecnici bianconeri, hanno detto la loro sui temi caldi di questa nuova annata in bianco e nero.

SU STEFANO COLANTUONO

GIACOMINI: “Mi sono piaciute alcune intuizioni mostrate fin qui. Ha individuato già alcune soluzioni che possono dare buoni risultati. Sta mettendo i giocatori nei ruoli giusti, vedi Fernandes che agisce dove offre il meglio. Penso che abbia già individuato i problemi visti in passato e ci sta mettendo mano. La società, poi, deve aver espresso il desiderio di proporre il 3-5-2, ma se viene fatto bene può dare soddisfazioni. Anche per lui è una sfia personale dimostrare che sa attuarlo, anche se a Bergamo usava altri sistemi”
FEDELE: “Colantuono è stato sempre un onesto lavoratore. Ha sempre lottato, ha grande grinta, poche chiacchiere e tanti fatti. Tutto sommato è stata una buon scelta, a parte i problemi fuori che spero si risolvano in un nulla di fatto”

LE PRIME INDICAZIONI DALLA SQUADRA

GIACOMINI : “I preliminari sono da prendere sempre con le molle, ho visto alcune sintesi interessanti, ritengo che Edenilson sia un ottimo acquisto, conosce le due fasi molto bene. E’ un giocatore di durata, insegue l’avversario e riparte. Ha una buona predisposizione al triangolo.
Ali Adnan è altrettanto interessante, ha una buona spinta col 3-5-2. Il segreto di questo modulo sono gli esterni.
Non conosco Iturra, ma tifo per lui: è cileno, una cavelada finalmente in squadra, non uno rapato in testa! I cileni non tradiscono mai, viene dalla patri di Neruda, gli do fiducia. Fa schermo davanti alla difesa, potrebbe essere utile dando geometrie. Non occorre sia un regista, l’importante è che faccia volume. E’ poi esperto, anche gusto non guasta”
FEDELE: “Le prime avvisaglie sono buone, la squadra sembra tonica come il suo allenatore. Aspettiamo prima di dare un giudizio, però”.

WIDMER: SARA’ ‘SCHIACCIATO’ DA EDENILSON?

GIACOMINI: “Ce l’avrà dura, però penso che Edenilson potrebbe giocare anche da laterale assieme allo svizzero, poi le scelte dipendono da Colantuono”
FEDELE: “Lo svizzero ha grandi qualità, ma l’anno corso ha dimostrato poco. Non se se Udine gli stia stretta, a me è sempre piaciuto. L’anno corso però è stato mediocre. La concorrenza nel ruolo però è tanta, vedremo cosa succederà”

ZAPATA: L’ATTACCANTE GIUSTO?

GIACOMINI: “Acquisto importante per la fisicità: questo è un attaccante buono per tutte le stagioni, può fare tutti i ruoli di movimento. Sa retrocede, ripartire, è forte di testa, indirizza sempre la palla. Può giocare bene con Totò, si possono aiutare a vicenda”
FEDELE: “Non è un guerriero, ma se ha la palla vista la butta dentro. Il problema è farlo giocare con Di Natale, che non partirà dalla panchina. Chi farà la seconda punta? Colantuono ha sempre giocato con una sola vera punta, con due le ha sempre beccate. L’unico problema è la convivenza tra i due. Di Natale, considerando l’età, è un finalizzatore, per cui servirà trovare un ruolo a Zapata. Sarà questo il problema maggiore per il tecnico”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy