Ruggero de I Timidi: “Se l’Udinese va in Europa festeggio con…”

Ruggero de I Timidi: “Se l’Udinese va in Europa festeggio con…”

In un’intervista esclusiva a MUD, Andrea Sambucco racconta un po’ di sè, dell’atteso concerto al Teatro Palamostre del 17 febbraio e di molto altro

di Massimo Liva

In una intervista esclusiva a Mondoudinese.it Andrea Sambucco conosciuto da tutti come Ruggero de I Timidi ci ha parlato un po’ dello spettacolo che lo vedrà protagonista sabato 17 febbraio al Teatro Palamostre di Udine. Molto amato dai friulani ma anche in tutta Italia Ruggero si è distinto da subito per l’originalità delle sue canzoni e per la sua contagiosa simpatia che lo hanno reso un personaggio unico nel suo genere.

Il 17 febbraio si avvicina, che tipo di spettacolo sarà quello del Palamostre? Ci saranno delle novità?

Ci saranno diverse novità, a partire dalla scenografia, nel senso che prima non c’era. In questo spettacolo l’ho inserita, anche se questo ha comportato un dispendio di lampadine, per fortuna tutte a basso consumo energetico. Cercheremo infatti di strizzare l’occhio a Las Vegas, al vaudeville e a tutto il teatro di rivista italiano. Non per niente sarò accompagnato da una soubrette: Fabiana Incoronata Bisceglia, diventata nota al grande pubblico perchè mi ha costretto a sposarla. Ci saranno diverse new entry tra canzoni e monologhi.

Un suo bilancio personale del 2017 e cosa si aspetta dal 2018? Ha un sogno nel cassetto?

Bilancio positivo artisticamente: la precedente tourneè Spruzzi di Gloria ha superato le 50 date e in estate ho quasi fatto implodere il reggaeton. Poi in ottobre il grande evento della Notte Timida al Fabrique di Milano che mi ha fatto abbracciare tutti i fans accorsi da ogni parte d’Italia. Il 2018 è partito con una chiamata da Nicola Savino per prendere parte a 90 Special che va in onda il mercoledi su Italia 1. Mi aspetta il tour teatrale, quello estivo e prenderò parte al tour di Roberto Ferrari che festeggia i 30 anni a Radio Deejay. Tra le attività collaterali un libro e un vino (si hai letto bene).Sogno nel cassetto: esibirmi a Las Vegas. E in questo Show si capirà il motivo ovviamente.

Nella sua ultima intervista a Mondoudinese.it ci parlava di una canzone nel cassetto dedicata all’Udinese, quando la proporrà al grande pubblico?

La proporrò quando ci sarà un grande traguardo da festeggiare. Non farmi dire di più per scaramanzia.

Sta seguendo l’Udinese di Oddo? Anche lei, come i tifosi friulani, sogna l’Europa?

Grazie a Sky riesco a seguirla… anzi grazie a me, visto che sono io che pago Sky. Comunque non è questa la sede adatta per fare polemica, anche perchè è un servizio a pagamento per cui non vedo perchè dovrebbero darmelo gratis. Sarò sintetico: mi dispiace per Delneri, penalizzato soprattutto dal fatto che a Gomorra hanno messo i sottotitoli ma a lui no, ma il cambio con Oddo è stato qualcosa di sorprendente, sul piano del gioco e dell’atteggiamento. Sogno l’Europa anche se la concorrenza è agguerrita, la palla è rotonda e l’ultima parola spetta al mister. 

C’è una canzone a cui è legato particolarmente? E un concerto?

“Torna a Udine” perchè mi stupisce sempre: a qualsiasi latitudine la canti tutti i fans la intonano, dalla Puglia ad Aosta. Segno che la provincia vince sempre e anche che Udine sta molto simpatica a tutti, nonostante la maggior parte dei fans ignorino esattamente dove sia ubicata. Tra i concerti di sempre l’ultimo già citato al Fabrique, quello all’Alcatraz di Milano e al Vox di Nonantola anche se sentimentalmente sono legato al concerto in Castello (Friuli Doc 2016) che è l’ultimo che ha visto mio padre, scomparso lo scorso anno. Ma non vorrei chiudere in modo malinconico per cui dirò: il mio concerto preferito? Il prossimo!

Se l’Udinese riuscisse ad andare in Europa, promette di….?

...festeggiare con del frico e una bottiglia di Refosco in piazza Duomo a Milano. Non chiedetemi spogliarelli che non è il caso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy