Serena: “Quell’episodio di Lodi ha cambiato la gara”

Serena: “Quell’episodio di Lodi ha cambiato la gara”

Per Aldo Serena, come per mister Colantuono a cambiare le sorti di Milan-Udinese è stato Lodi con quel gol sbagliato. Da lì il pari e il ritorno dei rossoneri. Note positive? Matos, uno che se diventa concreto sotto porta può essere micidiale con la sua velocità

Milan-Udinese, un tempo ciascuno, ma come racconta Aldo Serena, ma un episodio chiave che ha cambiato la gara: “L’Udinese ha avuto con Lodi un’occasione incredibile: lì è cambiato tutto, sul 2-0 il Milan non avrebbe avuto la stessa reazione. Quello è stato il momento topico, poi subito dopo c’è stato il pari e l’Udinese ha rischiato, non reagendo più com’è nelle sue corde. Thereau e Matos che sono bravi ad attaccare gli spazi, sono rimasti imbrigliati con il  baricentro troppo basso“.

Proprio Matos si sta rivelando un acquisto più che azzeccato: “Ha doti tecniche e di velocità. La scorsa estate, durante il ritiro, avevo visto  Carpi-Inter e anche allora era riuscito a mettere in difficoltà i nerazzurri. Avevo notato che ha queste doti di velocità e di inserimento che lo rendono davvero pericoloso. Gli manca ancora la concretezza sotto rete, se la acquisisce diventa davvero forte. Ha tutto per far bene, ma deve diventare più pungente per completarsi come attaccante“.

Milan e Udinese, intanto si sono divise la posta, ma per entrambe c’è qualche rammarico alla fine: “Con le dovute proporzioni devo dire che Milan e Udinese hanno fatto lo stesso tipo di stagione, non hanno confermato le attese, non hanno avuto grandi momenti anche se in qualche occasione hanno mostrato sprazzi di gioco. L’obiettivo realistico dell’Udinese è arrivare alla fine con una classifica tranquilla, sopra il gruppo in apprensione. Un finale tranquillo lo può fare, mentre il Milan realisticamente ha un’autostrada libera in Coppa Italia, mentre in  campionato può pensare solo all’Europa League“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy