Muraro: questa Udinese non mi piace come gioca

Muraro: questa Udinese non mi piace come gioca

L’Udinese l’ho commentata più volte e non mi è mi piaciuta nel modo di giocare: difende e si affida alle ripartenze. Poi c’è Di Natale che trasforma quel poco che riceve in oro. C’è stata un po’ di illusione dopo i primi risultati. L’Udinese è stata anche aiutata dalla fortuna un po’, diciamolo.

Per quanto riguarda l’Inter il cambio di panchina non faceva parte del progetto iniziale, così Mancini si ritrova una quadra costruita per Mazzarri. Il tempo per  giudicare è poco, Mancini è amato, ha molto credito e avrà più tempo per migliorare. Credo che la forza del gruppo si vedrà nel tempo: non so dire quanto.

Una cosa va detta: per entrambe sconfitte portano sconfitte, quando vinci cerchi giocate che poi inizi a non fare per paure inconsce.

L’Udinese poi, non ha giocatori di fascia, questa è la verità: solo Widmer si salva. L’Udinese è una delle squadre che crossa meno, gioca sugli attaccanti sperando che segnino.

Manca il leader a centrocampo? Il leader è anche il gioco: Allan ruba tanti palloni, ma ha difficoltà a trovare uno smarcato, sono tutti centrali. Manca la soluzione per allargare il gioco, Piris spinge poco, solo Widmer ha queste caratteristiche, ma gli altri lo conoscono e lo marcano, limitandolo di fatto.  Manca forse un uomo d’ordine ma sarà difficile trovarlo a gennaio, per esempio. Allan può diventarlo, ma serve che i compagni diventino più mobili.

Probabilmente è colpa anche delle società, vale per l’Inter vale per l’Udinese: si deve mettere a disposizione dell’allenatore tutte le alternative, ma non è così.  Non so perché Faraoni o Alhassan non siano presi in considerazione: forse il giocatore non dà sicurezze, perché dovrebbe dare il massimo in allenamento per farsi notare. Certo è che i contratti non dovrebbero essere di 5 anni, altrimenti molti si adagiano. I grandi campioni non guardano a questo, i meno bravi forse si siedono sui contratti. Non tutti sono Di Natale.

L’Udinese comunque può stare tranquilla con 18 punti, l’Inter dovrà puntare almeno all’Europa League. Anche perché la rosa glielo permette, in più la gara in casa  per caratteristiche la farà l’Inter e l’Udinese giocherà come col Milan di rimessa, dando il pallino agli altri. Deve trovare aggressività, altrimenti sarà dura.

Carlo Muraro
©Mondoudinese

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy