Sassari contro Reggiana, il basket che ci piace (F. Canciani)

Sassari contro Reggiana, il basket che ci piace (F. Canciani)

Commenta per primo!

Nessuno avrebbe potuto ipotizzare, al termine della regular season, una finale fra BancoSardegna e GrissinBon. Le squadre più gettonate, la corazzata Milano e la migliore Venezia dai tempi di Praja Dalipagic, sono state sbattute fuori entrambe in gara sette, e tutte e due sul proprio terreno.

Tra Sassari e Milano per cinque gare il basket migliore lo hanno giocato i biancoblu di Meo Sacchetti; hanno avuto sul pugno casalingo il colpo del k.o., ma Milano ha impattato 3-3 con una gara giocata sui nervi. A Milano il coach di Altamura compie un vero e proprio miracolo: nella peggiore posizione possibile, ricostruisce morale e gambe dei suoi portandoli a vincere, ai supplementari, nel catino ambrosiano. La squadra ha demolito gli avversari sotto canestro, e su quello decisivo (Milano era sopra di tre a sette secondi dalla fine) Lawal ha arpionato la palla sotto canestro due volte consecutivamente. Fischi per Gentile, Hackett e soci, avanti ci va il simbolo di una regione, di un popolo intero, progetto che affonda le radici nell’arrivo di Sacchetti nel 2009 (la stagione precedente a Udine) e in un manipolo di ex-ragazzi come Brian Sacchetti, DeVecchi, Formenti e Vanuzzo.

Ancora più devastante la sconfitta di Venezia, che vede violare l’Arsenale da un manipolo di grandi cuori, privi del play titolare Mussini e di Drake Diener e con un Lavrinovic che salta gara-5 e sei, ma a Venezia si sarebbe presentato anche con una sola gamba. Risulterà decisivo, il totem lituano trentaseienne, nella gara che sancisce come Venezia fosse intimamente convinta di chiuderla ben prima, arrivando perciò a gara sette svuotata di energie psichiche e fisiche. Emozionante il video girato a fine gara, fuori dal torrido palazzetto veneziano, dove i sessantacinque al seguito inneggiano ai giocatori vittoriosi: esce un ragazzone, naso adunco capelli a spazzola torso nudo, che si arrampica sulle recinzioni e piange esulta urla con loro. Non uno a caso: Andrea Cincia  Cinciarini, c’è solo un capitano, romagnolo dal sangre caliente che ha issato, assieme al bucaniere lituano Kaukenas, a Polonara, a Della Valle e Chikoko, la bandiera biancorossa sul fortino Umana Venezia. Uno, il Cincia, capace di penetrare in faccia a gente come Goss e Julyan Stone, fermandosi poi fronte contro fronte a chieder loro “so what?”.

Peccato per coach Recalcati, per Thomas Ress simbolo di sportività, per un pubblico fantasticamente entusiasta ma la finale quest’anno non sarà cosa loro.

Domani si comincia: ci sarà alla fine chi masticherà amaro e coloro i quali vedranno sventolar per sé bandiere e vessilli, ed i cori saran per loro. Per noi, commentatori imparziali, comunque vada sarà un successo. Perché in campo ci vanno doti come coraggio, freddezza, orgoglio e cuore. I dream team milionari rimangano oltre il grande stagno Atlantico: non son cosa per noi, caro il mio abbronzatissimo Giorgione milanès.

Franco Canciani @MondoUdinese.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy