Turci: L’Udinese non meritava la sconfitta

Turci: L’Udinese non meritava la sconfitta

Commenta per primo!

Mi dispiace un po’ per Gianpiero, ma a 35 anni forse doveva anche valutare dove andare a giocare con continuità. Mi dispiace perché è andato via, ma sono felice per lui perché ha dimostrato di avere ancora mercato e questo dimostra il suo valore e la sua professionalità.

Sulla gara col Palermo l’idea che mi sono fatto è che sia stata la fotocopia della partita con la Juve, ma a parti invertite. L’Udinese non meritava di perdere, ha avuto le sue occasioni che, per vari motivi, non sono tate sfruttate. Un po’ sfortuna, un po’ imprecisione, ma la prestazione c’è stata: è mancato il risultato anche per quella legge non scritta della compensazione che c’è nel calcio.

La squadra mi è piaciuta però più col Palermo che con la Juve: imprecisioni a parte ha fatto la gara concedendo pochissimo. In questo momento tutte le squadre sono in fase di lavori in corso. Chi fa risultato è chi è più pronto, Inter a parte forse. Chievo, Torino, Palermo sono squadre già rodate che hanno cambiato poco. L’Udinese ha un nuovo tecnico, nuovi giocatori, deve avere tempo. Il Palermo non ha rubato nulla, è cinismo e basta.

In Lega Pro per quanto riguarda il nostro girone è il più complicato: ci sono squadre davvero molto attrezzate, il Bassano, l’Alessandria e il Pavia sono davvero forti. Poi ci sono altre, tra le quali la mia Cremonese, il Feralpi Salò e il Mantova, che non sono dichiaratamente costruite per la promozione diretta, ma possono diventare delle belle sorprese.

Il Pordenone l’ho seguito, è una squadra che ha cambiato molto, dall’allenatore ai giocatori,è in piena fase di costruzione. Serve tempo per trovare la quadratura e la solidità.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy