Un punto positivo (Di G. Turci)

Un punto positivo (Di G. Turci)

La disamina di Gigi Turci dopo il pari dell’Udinese contro il Milan: serve prendere il punto e guardare positivamente a quanto di buono si è visto

Commenta per primo!

Il Milan in questo momento ha una discreta forma psico fisica, per cui non è di certo da buttare via un pari a San Siro. Anche perché c’è stato un match point, poi nel calcio c’è questa ‘regola‘ che si conferma: gol sbagliato e gol subito. Ma fondamentalmente la partita ha regalato un punto che non cambia la classifica, ma dà morale.

E’ difficile spiegare i cali della ripresa: non è una sola causa, ma più che si sommano. Forse non avere un obiettivo conclamato può portare ad atteggiamenti inconsci dove ti accontenti. E’ davvero difficile spiegare però che cosa provochi questi cali, forse non è un problema che nasce dall’oggi al domani.

In questo momento guardiamo al positivo, a un risultato soddisfacente: altrimenti si vede solo in negativo e quando lo fai alla fine ti deprimi! Invece si deve prendere spunto sempre dai segnali positivi avuti.

Tra questi bene i nuovi: Matos lo conosco bene, è una scheggia, uno molto bravo nel ribaltare l’azione e nel gioco di Colantuono è una pedina importante. E’ uno che attacca gli spazi, ma anche tecnico, per cui è stato un ottimo acquisto.
Hallfredsson poi è stato protagonista della storia recente del Verona, non è un giocatore qualsiasi, è di spessore, di quantità e anche di qualità.

Ora il Bologna, che sta bene e con Donadoni ha esaltato anche i singoli: chiaro che l’Udinese gioca in casa e deve puntare alla vittoria, questo non è in discussione. Poi, come sempre, ci vuole anche un po’ di fame per andare a strappare i tre punti, oggi gli equilibri sono sottili, chi ha più fame e più motivazioni strappa via le vittorie.

Gigi Turci @MondoUdinese

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy