2014: Con l’Udinese il bicchiere è sempre mezzo pieno!

2014: Con l’Udinese il bicchiere è sempre mezzo pieno!

Non ci riescono i nostri politici e burocrati a fare i bilanci ,figurarsi io. Per fortuna che non si tratta di euro ,ma di calcio,del nostro calcio, quello dell’Udinese. In breve, come va interpretato e bilanciato il 2014 dei bianconeri ?

Non è facile, perché l’anno solare è a cavallo fra due anni sportivi non esaltanti e scanditi da una specie di crisi di rigetto verso un allenatore: Francesco Guidolin.

L’uscita dall’Europa League ha condizionato non poco l’andamento lento di bianconeri e in particolare del suo Mister , la cui debacle europea è pesata come un macigno più su di lui che sulla squadra, che a sua volta ne ha assorbito il disagio,allarmando una Società che aveva staticizzato la sua operatività senza darlo a vedere. Praticamente l’Udinese è stata protagonista di un campionato anonimo e a volte incomprensibile.

E in  questo stato difficilmente diagnosticabile ha avuto la fortuna di avere un Totò Di Natale che ancora una volta è andato in doppia cifra in fatto di gol (17) come Higuain, meno tre, da Ciro Immobile Capo cannoniere.

All’inizio dell’anno l’Udinese fa come i sottomarini … sempre sotto, 4 sconfitte su 4 .

Era la Befana che il Verona a Udine rifila tre gol (2 di Toni) poi va raccogliere tre ciliegine a Genova contro la Samp,altre tre in casa contro la Lazio  e infine a Parma. Poi un campionato tra alti (pochi) e bassi(tanti).

Resta il fatto che fra mille difficoltà si salva a quattro giornate dal termine con 44 punti come i gatti, dimostrando che le vite dell’Udinese superavano quelle dei domestici felini. Ciò che ha accompagnato la prima parte del 2014 bianconero sono state le irritazioni dei tifosi nei confronti di Guidolin ,colpevolizzato di proporre una squadra blanda e senza nerbo e di essere spesso un po’ piangina.

Il tecnico patisce questa mancanza di fiducia e s’innesca una specie guerriglia a distanza fra tifosi pro e contro il tecnico.

L’amore e il legame che ha sempre contraddistinto Guidolin con la terra Friulana si va sempre più assottigliando e le parti arrivano ad ignorarsi ,salvo qualche stilettata verbale che provoca generale prurito.

In troppi dimostrano una memoria corta,dimenticando ciò che il tecnico di Castelfranco aveva costruito, di concerto con la Società, negli anni precedenti, compreso quel 1999 in cui spedì in Intertoto la Juventus.

Dimenticando anche che l’Udinese eliminò dalla Coppa Italia Inter e Milan fino ad arenarsi in semifinale e in maniera immeritata contro la Fiorentina.

Pochi si ricordano che l’Udinese rappresenta nel panorama calcistico il Friuli,ma che il Friuli rappresenta, sempre per gli stessi fini, un quartiere di Milano.

La storia finisce fra sorrisetti e mugugni con una soluzione ,diciamo politica e affatto realistica.

Oltre a Francesco Guidolin se ne vanno Pereyra,Basta,Lopez,Lazzari,Zielinsky e qualche giovane destinato a vagabondare fra Inghilterrra e Spagna.

Arriva un po’ a sorpresa Andra Stramaccioni in linea con la linea della società che ha sempre privilegiato giovani attrezzati di fame.

Il resto della stagione ,o meglio del 2014 è sotto gli occhi di tutti. Si chiude l’anno con una ottima prestazione a Genova contro la rivelazione doriana e 22 punti in classifica che lasciano ampi spazi di ottimismo per il futuro.

Se pensiamo che appena arrivato nel 2010(al suo secondo giro friulano) Guidolin partì con 5 sconfitte di fila e poi raggiunse l’Europa c’è da stare quieti e godere di una annata cominciata a schiaffi in faccia ,ma poi condotta con autorevole dignità .

Garanzia di questa Udinese sono i tifosi,anche quelli rumorosi,ma eternamente innamorati della loro squadra.

Se dovessi dare un voto a questo anno che se ne va, mi scappa, anche per via del mio affetto, un 7,5 che vedo innalzarsi verso l’8 alla fine di questo torneo.

Con l’Udinese il bicchiere è sempre mezzo pieno !

Alla salute … bianconera e l’Augurio che il 2015 ci sia Amico !

Lorenzo Petiziol©Mondoudinese.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy