Brava Udinese, questo sì che si chiama sgarfare!

Brava Udinese, questo sì che si chiama sgarfare!

Risultato bugiardo? E chi se ne frega!

Commenta per primo!

Risultato bugiardo ? E chi se ne frega !

Gigi Delneri si beffa di Gasperini lasciando all’Atalanta la palma dei più belli in campo e il demerito di non essere stata in grado di concretizzare le occasioni avute, tornando in Friuli con tre punti pesantissimi ed importantissimi, giocando un calcio d’altri tempi, lasciando l’iniziativa agli avversari, prendendosi molti rischi ma sapendo di poter contare su un grande portiere, quell’ Orestone Karnezis che ancora una volta si è immolato per la causa bianconera, sfoderando alcune parate decisive che hanno permesso all’Udinese di restare in partita ed attuare il piano di battaglia che alla fine risulterà vincente.

C’era preoccupazione per questa Atalanta, giustamente, tanto da spingere il buon Gigi a rivedere il proprio modulo e il proprio credo, giocando più chiuso, rinunciando al tridente, ma quando ha capito che la partita si poteva affrontare alla pari, dopo il gol del pareggio dei bergamaschi nel secondo tempo, ecco la svolta con i cambi, Perica per Hallfredsson prima, Matos per Zapata dopo. Due cambi vincenti.

Ancor di più però, lo è stato il tiro a giro di Fofana, un eurogol che sembra essere una caratteristica del giocatore francese, talvolta criticato per tenere troppo il pallone tra i piedi in cerca dell’azione personale, ma quasi sempre devastante con i suoi inserimenti di potenza, come accaduto nell’azione del terzo gol, dove questa volta da giocatore intelligente ed altruista, ha servito un assist preciso e vincente a Thereau.

I nostri vincitori tornano a Udine portando in trionfo il Patriarca di Aquileia, dopo una partita dura, sofferta, vicina al tracollo ma alla fine vinta meritatamente con grinta e carattere.

Brava Udinese, questo si che si chiama sgarfare !!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy