Chi è la più bella del Reame?

Chi è la più bella del Reame?

L’Udinese relegata a succursale della holding? Il club bianconero ha sempre respinto con forza questa affermazione che spesso si sente ascoltare in giro, ma cosa dicono i numeri? Partiamo dal valore della rosa: 77, 6 milioni quello dell’Udinese, 82 quello del Watford, appena 58 quello del Granada. Già questo dato potrebbe bastare, ma a questi numeri se ne aggiungono altri eloquenti. Il saldo di bilancio dell’ultima campagna trasferimenti in casa friulana dice +48 milioni (6,2 quelli spesi), mentre -41 è quello del Watford (48 quelli usati per gli acquisti): praticamente 80 milioni di differenza tra i due club. Il Granada, invece, si assesta a +6,50 (3,1 quelli investiti). Insomma in premier League gli investimenti sono stati cospicui a dir poco. Il club ha sempre difeso la scelta affermando che per salvarsi in Inghilterra non basta quello che si fa in Italia e per una neopromossa come il Watford serviva assolutamente investire per competere. Risultati stanno dando ragione, ma – ovviamente – a Udine non tutti i tifosi riescono a comprendere perché ci debba essere un ‘fratello maggiore’ a cui dedicare spese e risorse. Il sito specializzato Calcioefinanza ha cercato di spiegare che “il club inglese, neopromosso in Premier League, ha infatti ribaltato questo “sistema copernicano” che ha sempre regolato il modo di lavorare in terra friulana. O meglio, la ripartizione dei ricavi televisivi garantita ai club militanti nella massima serie inglese ha convinto la famiglia a investire per poter mantenere la categoria. Infatti la ripartizione dei proventi, divisi secondo un rapporto 1,53:1 tra la prima e l’ultima squadra, evita uno squilibrio tra i ricavi delle potenze della Premier e quelli delle squadre di bassa classifica. Cosa significa questo? Che citando il caso della passata stagione se il Chelsea arriva ad avere introiti tv per 140 milioni di Euro, l’ultima della classifica, il QPR, riesce ad incassare la formidabile cifra di 91 milioni di Euro. E in virtù del nuovo contratto per il triennio 2016-2019 questa cifra è solo che destinata ad aumentare. Se a questo sommiamo i ricavi da stadio, quelli da sponsor, quelli legati al merchandising e alla visibilità mondiale che la società può avere semplicemente giocando una partita contro un Manchester United o un Arsenal capiamo di quanto sia stata corretta anche questa decisione da parte della famiglia Pozzo. In sostanza il Watford possiede una “cilindrata” maggiore rispetto ad Udinese e Granada: diventa necessario rifornirlo con la benzina adatta per sfruttare al meglio le sue prestazioni”

Fonte dati Calcioefinanza
Ecco perché i Pozzo non hanno lesinato negli investimenti estivi per il Watford.  Ma c’è di più, e lo si evince da quanto investito negli ultimi anni per l’Udinese e quanto per il Watford. Nelle ultime 4 stagioni in casa Udinese sono stati incassati 169 milioni, una cifra stratosferica in proporzione alla Serie A, di cui la metà sono stati reinvestiti per il rinforzamento. Guillerme, Kone, Evangelista e Aguirre gli acuisti più onerosi (dai 4,5 ai 4 milioni) mentre onerosi ma flop sono stati Maicosuel (6 milioni) e Nico Lopez (4 milioni). Ma anche i primi citati oggi come oggi non si possono di certo definire acquisti azzeccati. Al Watford, contemporaneamente, sono stati spesi 49 milioni, qui di meno che a Udine, ma va detto che gli Hornets fino all’anno scorso giocavano in Championship, quindi con costi più bassi. Tant’è che oggi Capoue è stato pagato 9 milioni, così come Jurado e Oulare. Saldo attivo anche per il Granada con 16 milioni incassati nelle ultime stagioni a fronte di 27 milioni spesi. Chiaro che la società andalusa ha dinamiche diverse e che fino ad ora risulta essere la Cenerentola della multinazionale. Quando si parla di holding si parla anche di impianti: il ‘Friuli‘ è stato rammodernato completamente portandosi a 25 mila spettatori di capienza, mentre Vicarage Road ha visto rifarsi il look per quanto concerne alcuni settori e alcune infrastrutture. Anche in questo caso la capienza non è elevata, si arriva a 21 mila spettatori. Infine Los Carmenes, anch’esso ristrutturato parzialmente e che rimane in linea con la capienza a 22 mila spettatori. Infine chi è il giocatore con più valore di mercato? Oggi a Udine è Orestes Karnezis (circa 6 milioni il suo valore), la punta di diamante. Sulla stessa cifra Bruno Fernandes e Silvan Widmer, in netto calo rispetto a sei mesi fa. Al Watford Deeney, Ibarbo, Capoue da soli valgono oltre 25 milioni, mentre al Granada la stella è Doria (8 milioni). Spulciati questi dati chi è a oggi la più bella del reame?  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy