La Nazionale vince: la solita Italietta risicata…

La Nazionale vince: la solita Italietta risicata…

Commenta per primo!

Vince la Nazionale, vola in testa alla classifica del proprio girone ed ormai vede la qualificazione ai prossimi Campionati d’Europa con più fiducia e certezza.

Sfrutta, l’Italia di Conte, al massimo la doppia sfida interna contro Bulgaria e Malta: ma se contro gli isolani mediterranei galeotta fu la mano di Pellé, stasera De Rossi ha realizzato dopo 5′ di gioco un rigore (ineccepibile) da tre punti.

Il primo tempo ha mostrato tutto sommato una buona squadra, forse la migliore della gestione del salentino, che ha mancato numerose occasioni per chiudere la gara al cospetto di una Bulgaria dimessa e timida, che solo in un’occasione avrebbe potuto pareggiare (bravissimo il 150esimo Buffon azzurro).

Ripresa dimessa, senza scossoni (una bella parata dell’estremo bulgaro) fino a quando, dopo circa 20′, va in onda il solito psicodramma di Daniele De Rossi. Subìto un duro fallo da parte del centravanti Micanski, non trovava di meglio che scalciare l’avversario costringendo il buon arbitro russo a cacciarlo dal campo (assieme al rivale, anche lui correttamente messo fuori gara). Non nuovo a gesti del genere, ormai penso tutti si siamo arresi al fatto che il giocatore più pagato della serie A ha la tendenza, randomica, a chiudersi una vena rinunciando a pensare.

Da lì in poi la Nazionale abbassava il baricentro, permettendo agli avversari di farsi minacciosi rischiando di subìre un pareggio che sarebbe risultato una grandissima beffa.

Ora Azerbaigian e Norvegia per sancìre il primo posto nel girone e una conseguente migliore posizione al sorteggio per i Campionati del 2016. Poco da dire sulle scelte, pressoché obbligate, messe in campo da Conte. Due gare impegnative, specialmente quella contro gli scandinavi i quali, dopo aver battuto 2-0 la Croazia, sono divenuti gli avversari diretti per il primato.

Franco Canciani @MondoUdinese

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy