Lazio, el talisman para Duvan?

Lazio, el talisman para Duvan?

Caro Duvan, ora tocca a te. Arrivato a Udine con un know-how importante e una media realizzativa altrettanto notevole – in base all’impiego non proprio costante da parte del suo precedente tecnico Rafa Benitez tra campionato e coppe -, Duvan Zapata non vede l’ora di sbloccarsi con la casacca dell’Udinese. zapata89Dieci giorni fa contro il Palermo l’attaccante colombiano classe ’91 ha tentato la conclusione da fuori in cinque occasioni senza mai inquadrare lo specchio e, complessivamente, sono state sette le opportunità capitate a Duvan di piegare Sorrentino, rimasto illeso. Segno che l’ex Napoli è un giocatore che sicuramente sa far valere la sua potenza fisica, ma deve ancora ritrovare il feeling con il gol. Le doti ci sono: i numeri del recente passato in Serie A e la rapida capacità di ambientamento in una realtà molto diversa come l’Udinese lo confermano. Eppure manca ancora quell’urlo, quell’esultanza in grado di cambiare il risultato sul tabellone luminoso. Ovviamente siamo tutti concordi che prima o poi succederà. Magari prima, magari domenica allo stadio Olimpico contro la Lazio, come accaduto circa un anno fa a Cyril Thereau. Proprio il 25 settembre scorso, infatti, una rete – la prima con la maglia bianconera – dell’attaccante del Chievo aveva regalato i tre punti all’Udinese di Andrea Stramaccioni. Un colpaccio giunto al termine di una gara particolarmente tesa in cui la Lazio aveva cercato in tutti i modi di piegare l’arcigna difesa friulana, ma la formazione bianconera riuscì a reggere l’assalto piazzando il colpo del ko praticamente nell’unica occasione creata. Tre punti che, a fine stagione, hanno pesato. Eccome. Quest’anno l’Udinese si presenterà allo stadio Olimpico in una situazione decisamente diversa: i biancocelesti di Stefano Pioli hanno cominciato la stagione in salita con una vittoria casalinga all’esordio e una brusca frenata a Verona contro il Chievo. La goleada incassata al Bentegodi (4-0), infatti, non è stata di certo dimenticata in questi dieci giorni di pausa, anzi la tensione che si avverte nello spogliatoio ieri è sfociata sui campi di allenamento di Formello con un bettibecco molto acceso tra Radu e Braafheid, placato grazie all’intervento tempestivo dei compagni.  Inoltre la condizione generale della squadra non è ottimale. Sicuramente salteranno la gara con l’Udinese De Vrij, Djordjevic, Klose, Biglia e forse anche Marchetti. Quale migliore occasione per Zapata di sbloccarsi? Ecco perchè la Lazio potrebbe essere una sorta di “talisman” – come cantava Rosana negli Anni Novanta – per il bomber colombiano. Non capita tutti i giorni di trovarsi di fronte un avversario così in difficoltà dopo poche giornate. Sul fronte opposto, invece, l’Udinese, dopo l’exploit al debutto con la Juventus, ha tutta la voglia di confermare la sua costante crescita cercando un altro risultato positivo in trasferta. Ma servono i gol.. caro Duvan, ora tocca proprio a te.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy