Possiamo godere!

Possiamo godere!

L’Udinese vince e convince con il Torino, soprattutto porta casa tre punti fondamentali per la corsa salvezza e ora punta al nuovo anno con ottimismo

Possiamo godereeeee. Sarà un buon Natale ! Una vittoria a Torino per chiudere un anno tribolatissimo è una panacea quasi inaspettata e per questo ancor più gradita.

Non sono servite banderillas, né toreri, il Toro, un po’ s’è matato da solo, molto ci ha pensato l’Udinese. Convinta, tignosa, ruspante la squadra di Colantuono ha lasciato poco o nulla a Quagliarella e C. , sopratutto dopo l’ingenua espulsione di Wague che pareva foriera di nefasti presagi.

Invece è filato tutto liscio, con una accentuazione difensiva maggiore, ma senza correre rischi particolari, anzi con un’occasione per Widmer “troppo preciso” a tu per tu con Padelli.

Così dopo tre schiaffoni rimediati tra campionato e Coppa, la resurrezione natalizia di una Udinese presentatasi all’Olimpico con numerose assenze, si è consumata giusto in tempo per rendere gradevole il Natale friulano.

Pensate, contro il Torino non c’era neppure Iturra  e neanche Aguirre non c’era Thereau e neppure Kone, che dopo il gol romano è stato talmente male che ha passato il pomeriggio vagabondando al Città Fiera per i soliti acquisti del momento. Fa niente, si è vinto lo stesso e abbiamo fatto Black Jack toccando quota 21.

Una media salvezza che porta quiete  fra i tifosi bianconeri.

Tocca dare ragione a Colantuono che a fronte dei sette gol subiti mostrava gioia per la prestazione. E quando poi vedi la squadra giocare come a Torino devi toglierti il cappello (rischiando il raffreddore) e allinearti alle sue convinzioni.

Prima di salutare due parole le spendo volentieri su Perica e Di Natale (sono i suoi giorni). Il croato di Zadar, non ha certo le movenze di un ballerino del Bolscioi, ma il suo impegno e la sua devozione alla causa lo rendono ammirevole e spesso indispensabile alle manovre offensive. Se avesse il piede meno ottagonale,contro il toro, avrebbe potuto segnare altri gol. Per ora è bene accontentarsi, così per Di Natale che è esattamente l’inverso di Stipe. Totò si porta appresso, oltre agli anni, un fardello di classe che a venderla risaneremo il sistema bancario italiano.

Verrebbe voglia di dire : peccato che ora c’è la sosta. Invece no, meglio fare un rewind del campionato fin qui trascorso e aggiustare qualche ingranaggio che può essere ancora oleato.

L’anno nuovo comincerà con il mercato di riparazione che porterà Iturbe al Watford e probabilmente Diamanti in Friuli e forse Pepito Rossi, perché Di Natale oltre al Babbo non può portarsi anche il sacco della Befana.

Cosa ho chiesto a Babbo Natale ?

Di vincere lo scudetto con l’Udinese

Di poter entrare una volta nella Club House gratis

Di vedere lo Stadio pieno di 50.000 tifosi friulani

Di vedere l’Udinese battere qualche rigore

Di leggere che presidente dell’Udinese sia un uomo di pace

Di vedere giocare nell’Udinese un po’ di ragazzi friulani

Di avere, se li dovessero riaprire, una suite in un manicomio

Auguri a tutti di un Natale pieno di salute e serenità !

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy