Ricomincio da tre

Ricomincio da tre

Commenta per primo!

Un’altra Udinese a due facce quella vista a Bologna. Un primo tempo orrendo, dove il fantasma retrocessione aleggiava nelle menti dei tifosi friulani. Una squadra troppo brutta per essere vera, al di là del modulo che era passato al 4-2-3-1 confermando che i  numero sono relativi.

Ci sono voluti cinismo e Badu per cambiare le sorti di una gara che sembrava segnata. I numeri dicono che con due vere occasioni l’Udinese ha portato a casa il risultato pieno. merito del ghanese, che si scopre goleador della squadra e che trascina i compagni laddove è sembrato mancare un leader.
Una squadra di contropiede e di sostanza, tanto basta a ottenere una vittoria che vale doppio, visto il momento e vista la classifica del Bologna ora staccata.

Ora l’Udinese torna a respirare, giusto il tempo per riorganizzare le idee e capire da dove ripartire: da Lodi, certamente, l’unico che può dare fantasia e costruzione di gioco a una squadra altrimenti solo muscolare.

Dal 3-5-2, piaccia o meno, è l’unica vera alternativa: se è vero che il modulo è un vestito, questo per l’Udinese è come quei jeans ai quali non vorresti mai dire addio perché sono gli unici che ti calzano come vuoi.

Da Di Natale: il capitano è ancora a secco di gol, ma la sua presenz sin campo è sempre ingombrante per gli avversari. Insomma se Thereau non p al meglio come in questo periodo, da capitano non si prescinde.

Si riparta da almeno tre italiani in campo inizialmente: nella ripresa, caso o meno, quando sono entrati la squadra è parsa con una guida che prima non aveva. Questione di lingua, questione di carisma, ma va così.

Si riparta dal Friuli (e non chiamiamolo altrimenti): in casa dopo 5 sconfitte consecutive serve finalmente ritrovare la via. Non è difficile, il Genoa e poi il Frosinone potranno regalare altri punti pesantissimi.

Insomma l’Udinese, come sempre detto, e come ha detto Colantuono non è da Europa, ma nemmeno da B. Ricominciamo da tre, dai tre punti che sono fondamentali per costruire il futuro. (Foto Repubblica)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy