Udinese vs il suo passato per dare un senso a presente e futuro

Udinese vs il suo passato per dare un senso a presente e futuro

Si respira aria pesante in casa Udinese, potrebbero essere proprio due grandi ex come Zapata e Quagliarella a peggiorare ulteriormente la situazione

di Massimo Liva

Dopo la debacle di Roma se ne sono dette di tutti i colori, nessuno è stato risparmiato dalle critiche, società, squadra e tecnico sono finiti ancora una volta sul banco degli imputati, in casa Udinese si respira una brutta aria e purtroppo non è una novità. Per una squadra come l’Udinese è ovvio che una sconfitta a Roma contro i giallorossi si possa prevedere, quello che non è piaciuto è la maniera in cui questo ennesimo ko è arrivato. Bianconeri molli e senza la determinazione necessaria, poche idee, tanta confusione mentale e tattica, insomma l’Udinese dà l’idea in questo momento di essere tutto tranne che una squadra.

E’ giusto e doveroso non farsi trascinare troppo da questo pessimismo dilagante che c’è in tutto l’ambiente friulano in questo periodo ma d’altra DELNERI AS Roma v Udinese Calcio - Serie Aparte cercare delle soluzioni immediate è un obbligo per dare una svolta prima di compromettere in maniera pesante una stagione iniziata male e proseguita peggio per i bianconeri friulani. Purtroppo l’allenatore è il primo a pagare e a perdere il posto in questi casi, un ulteriore passo falso contro la Sampdoria porterebbe a delle scelte dolorose e più “semplici” da compiere a stagione in corso, Delneri pagherebbe per colpe non sue o perlomeno non solo sue. Destino vuole che in una partita delicata come quella di sabato al Friuli i blucerchiati si presentino contro i bianconeri con due grandi ex come Zapata e Quagliarella, una coppia d’attacco che in molti avrebbero voluto vedere protagonista però in Friuli e non in terra ligure.

L’attaccante colombiano ha cominciato nella maniera migliore la sua avventura in Liguria confermando tutte le sue qualità da vero centravanti che in molti rimpiangeranno in Friuli, nonostante le diverse critiche ricevute nella sua ultima stagione a Udine. Fabio Quagliarella è uno degli ex più amati, se non il più amato dalla tifoseria friulana, come uomo in primis e poi come grande attaccante qual’è. Che tocchi proprio a loro mandare l’Udinese all’inferno con un eventuale ulteriore sconfitta, sembra un segno del destino, i bianconeri si ritrovano contro il proprio passato che potrebbe condizionare pesantemente il loro presente e il loro futuro.

Avversario a dir poco insidioso, la Sampdoria arriva a Udine carica di entusiasmo dopo la brillante vittoria contro il Milan di Montella, formazione quella blucerchiata organizzata e ben messa in campo con un Duvan Zapata in più là davanti che può fare la differenza. Stati d’animo opposti tra le due squadre, una quella bianconera depressa e senza certezze, l’altra quella blucerchiata consapevole dei propri mezzi e delle proprie qualità. Ci sarà molto da soffrire sabato alle 18 per chi ha a cuore le vicende dell’Udinese, si prevede un match vibrante e dal pronostico incerto. E’ ovvio che la Sampdoria parta favorità, ma una reazione da parte della formazione di Delneri è d’obbligo, ulteriori passi falsi non sarebbero accettati né dalla società né dalla tifoseria, poco ma sicuro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy