Udinese – Juventus : seconda parte

Udinese – Juventus : seconda parte

Nel 1982 Loredana Bertè aprì Udinese-Juve…che fu la gara di Rossi. Ma intanto rimangono innumerevoli gli episodi che ci hanno visto danneggiati

Commenta per primo!

“ non sono una signora, una con tutte stelle nella vita,
non sono una signora, ma una per cui la guerra non è mai finita oh no, oh no “

Nonostante sia passato molto tempo, il ricordo è ancora fresco, era il 2 maggio 1982 quando al Friuli arrivò la Juve del reintegrato Paolo Rossi dopo la squalifica per il calcioscommesse, il quale mise a segno quella rete che convinse Enzo Bearzot, presente in tribuna, a portarlo ai mondiali spagnoli.

Prima della gara, una incredibile Loredena Bertè, allietò gli oltre 40 mila spettatori con una delle sue più famose canzoni “ Non sono una signora “, evento che non si ripetè mai più in nessun altra partita allo stadio Friuli.

Curioso fu come la canzone della Bertè si contrappose al soprannome della Juventus, “vecchia signora “, per poi scoprire solamente molti anni dopo, come tutti sospettavano, di aver ben poco della signora, per i famosi fatti legati a Moggi, capro espiatorio anche per tutti gli anni bui precedenti della squadra zebrata di Torino.

D’altronde c’è da chiedersi come abbia fatto a vincere scudetti con Brio, Marocchino, Juliano, Matri, Giaccherini, Carrera, Spinosi, Morini , Furino e Cuccureddu, solo per citarne alcuni.

Con tutto rispetto.

La risposta è per la mentalità che si respira nelle grandi squadre, ovviamente, costruita negli anni anche con vittorie dubbie, aggiungo io.

Molte proprio contro l’Udinese, infatti sono innumerevoli gli episodi che ci hanno visto danneggiati e dei quali se ci restituissero anche solo un punto per ognuno, vinceremmo sicuramente uno scudetto anche noi.

Ma ormai tutto questo conta poco, all’orizzonte c’è un nuovo evento, che rischiava di diventare l’inaugurazione del nuovo stadio proprio contro la Juve, magari con tanto di coreografie e canti come in quel lontano 1982, in uno di quei periodi in cui l’Udinese è poca cosa, mentre la così detta signora, in uno, tra quei pochi meritati ,che va alla grande.

Paolo ‘Il Mino’ @MondoUdinese

Fine seconda parte

LA PRIMA PARTE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy