Scuffet: “Il mio sogno? Salvare un gol sotto la Curva Nord”

Scuffet: “Il mio sogno? Salvare un gol sotto la Curva Nord”

Il giovane portierone friulano intervistato dal Messaggero Veneto

Commenta per primo!

Il Messaggero Veneto dedica un’ampia intervista a Simone Scuffet ripercorrendo le tappe della sua giovane carriera, dai primi passi all’Aurora di Remanzacco, all’esordio in Serie A con Guidolin ” è stato l’allenatore più importante della mia carriera. Mi ha dato fiducia “; il rifiuto all’Atletico Madrid e la panchina con Stramaccioni ” preferii restare all’Udinese e crescere con calma,in quella stagione ho imparato tanto e sono cresciuto,ho giocato le partite di Coppa Italia,poi completato gli studi e ho preso il diploma cui tenevo tanto”; l’esperienza a Como ” il periodo più difficile, ho fatto esperienza, ma per un gruppo retrocedere non è mai bello “; il ritorno a Udine e le partite con Palermo e Torino ” Delneri per tutta la stagione mi aveva detto di lavorare con serenità che sarebbe arrivato il mio momento. Ho cercato di farmi trovare pronto “;  la convocazione in nazionale al Friuli ” un’emozione unica,è stato fantastico “; il rapporto con gli altri portieri ” Orestis è un amico e un grande professionista, ci alleniamo con intensità.Bizzarri ha grande esperienza e voglia di dare consigli. Meret è tornato alla Spal ma vedrete che continuerà a crescere e far vedere quanto vale “; c’è anche Delneri ” non sono l’unico friulano, c’è anche il mister. Quando è arrivato è stato molto chiaro: credere nelle proprie potenzialità e amare la maglia che si indossa.Un discorso da perfetto friulano”; ed infine la chicca,  su chi sogni la tua parata ideale ? ” L’Udinese sta vincendo, un avversario si presenta davanti a me, io paro e salvo la vittoria sotto la Curva Nord davanti ai nostri fantastici tifosi che mi hanno sempre sostenuto “.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy