Serie A: la moviola della 34ma Giornata

Serie A: la moviola della 34ma Giornata

La moviola della 34ma giornata analizzata dalla Gazzetta dello Sport

Turno positivo per la squadra arbitrale, ma il bilancio definitivo si avrà dopo le direzioni di Irrati (stasera Cagliari-Parma) e Tommasi (mercoledì Torino-Empoli).
ATALANTA-LAZIO 1-1 Orsato di SchioPoteva essere perfetta la direzione di Orsato, ma in avvio si «perde» lo sgambetto di Masiello su Keita: manca alla Lazio la punizione dal limite e il giallo al difensore.
FIORENTINA-CESENA 3-1 Doveri di RomaBuona prova di Doveri: netto il rigore dato alla Fiorentina per l’entrata di Mudingayi su Borja Valero. Ne chiede uno anche il Cesena, ma è Basanta a subire fallo da Rodriguez.
INTER-CHIEVO 0-0Guida di Torre AnnunziataSteccano più volte gli assistenti, specie De Pinto. Fermate nel primo tempo un paio di azioni dell’Inter per fuorigioco inesistenti di Icardi e Guarin, errore pure nella ripresa su Palacio.
ROMA-GENOA 2-0 Damato di BarlettaDiverse le decisioni da analizzare. Gol annullato alla Roma dopo 25’ per un presunto fuorigioco di De Rossi sul tiro di Nainggolan: siamo al limite, ma sembra esserci. Chiede un rigore il Genoa con Bertolacci: ok lasciar correre perché non c’è irregolarità di Nainggolan. Sbaglia Damato quando mostra il giallo a Torosidis per simulazione: era rigore per fallo di Roncaglia.
VERONA-UDINESE 0-1Cervellera di TarantoDa dimenticare la gestione dei cartellini. Due rossi diretti per Sala e Marquez (colpiti Thereau e Aguirre), ma sarebbe bastato il giallo soprattutto visto la scelta dell’arbitro di ammonire in precedenza Allan per un’entrata molto dura (piede a martello) su Moras. Giusto annullare per fuorigioco un gol a Thereau in avvio, mentre davvero al limite la posizione di Widmer nell’azione che porta alla rete di Di Natale: in casi simili le disposizioni sono di non alzare la bandierina. Molti dubbi e possibile rigore per il Verona sul contatto Bubnjic-Toni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy