Ultime due curve contro Spal e Cagliari ed un occhio rivolto all’Empoli

Ultime due curve contro Spal e Cagliari ed un occhio rivolto all’Empoli

L’Udinese, rinfrancata dal successo rimediato domenica scorsa contro il Frosinone, si appresta ad affrontare un match che vale una stagione

di Redazione

L’Udinese, rinfrancata dal successo rimediato domenica scorsa contro il Frosinone, si appresta ad affrontare un match che vale una stagione. Sabato, alle ore 15, sarà di scena, al Friuli, un match fondamentale per le sorti dei friulani, ossia quello contro la Spal. La banda guidata da Igor Tudor dovrà essere abile nel non sottovalutare un avversario già certo di restare in A, e di conseguenza senza assilli di classifica, giocando, altresì, con la massima concentrazione e la mente sgombra da calcoli complicati. Conquistando l’intera posta in palio, Okaka e compagni metterebbero fiato sul collo alle dirette concorrenti, a partire dal Genoa, che qualche ora dopo scenderà in campo, al “Ferraris”, al cospetto del Cagliari, e successivamente all’Empoli, impegnata il giorno seguente, al “Castellani”, contro il Torino. Ottenendo un successo contro gli estensi, i bianconeri potranno guardare con maggior spensieratezza l’ultimo bivio, ovvero quello della “Sardegna Arena”, con il Cagliari. La sfida sull’isola potrebbe rivelarsi meno decisiva di quanto ci si attenda. I segnali giunti dall’Udinese, comunque, dalla trasferta al “Benito Stirpe” sono alquanto positivi. I friulani hanno imposto le maggiori motivazioni, soprattutto nella prima frazione di gara, grazie alla doppietta di Okaka, giunto a quota quattro gol in questo torneo, e la rete di Samir. Dall’arrivo di Tudor in panchina, l’Udinese ha collezionato tre vittorie, tre pareggi e tre sconfitte, conquistando 12 punti, spingendo la squadra a quota 37, a +2 dall’Empoli terzultima. Nonostante la bagarre per evitare l’ultimo posto che conduce in B che coinvolge ben sette compagini, i bianconeri proveranno ad imprimere lo sprint necessario, sabato, tra le proprie mura amiche, affidandosi alla forza del collettivo, all’imprevedibilità e al talento di De Paul, al killer instinct di Okaka e alla voglia di scardinare le difese avversarie da parte di Kevin Lasagna. Elementi, questi, alquanto necessari per strappare il pass, con una giornata d’anticipo, in merito alla permanenza in massima serie.

AUTORE LORENZO CRISTALLO

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy