Udinese, Auc: partita ‘Strama’

Udinese, Auc: partita ‘Strama’

Ottenuto a Marassi il punto auspicato e da me previsto nel turno pre-pasquale, dove con un buon 1 a 1 l’Udinese ha meritatamente pareggiato contro il grifone genoano, ora e’ tempo di rituffarci immediatamente nel campionato, visto che gli uomini di Mr Stramaccioni recupereranno mercoledi’ sera la gara in trasferta di Parma, non disputata il 22 febbraio per i noti e non ancora risolti problemi societari del club emiliano (situazione alquanto “strana”…)

E’ l’occasione giusta per allungare ulteriormente in classifica o per lo meno per prolungare la striscia positiva che adesso e’ giunta a quattro risultati utili di fila ( una vittoria e tre pareggi ). La gara del Tardini sara’ sicuramente insidiosa, non tanto per il valore dell’avversario o per le motivazioni dello stesso, ma per l’indecifrabilita’ degli antagonisti. Troveremo un Parma dimesso, tipo resa incondizionata al Toro ( 0 – 2 per i granata ), oppure una squadra in grado di tornare da S.Siro con un punto che ha certificato ulteriormente la crisi del biscione meneghino. Se i bianconeri si confermeranno sui livelli dell’ultimo mese, post Cesena per intenderci, sono convinto che riassaporeremo i tre punti esterni che uniti ad un risultato positivo domenica prossima al Friuli, quando sara’ di scena il Palermo del vulcanico e friulanissimo presidente Zamparini, potrebbero lanciare i nostri verso la parte sinistra della classifica.

Personalmente la partita contro i ducali riaccende sempre antichi ricordi, legati alla militanza di mio cugino Salvatore nelle file dell’allora compagine di Mr Nevio Scala, che si affacciava prepotentemente nell’elite del panorama calcistico italiano. Mi ricordo che tutte le volte che l’Udinese non era di scena al Friuli, mi precipitavo al Tardini per seguire le gesta di una squadra che giocava un ottimo calcio e che poteva vantare tra le sue fila giocatori del calibro di Benarrivo, Di Chiara, Minotti, Apolloni, del “sindaco” Osio per finire poi con l’inarrestabile Asprilla. Inoltre, se la gara di febbraio non fosse stata rinviata, sarei stato presente sugli spalti perche’ mi sarei unito agli amici dell’Udinese Club di Fagagna per permettere l’esordio in trasferta di mio figlio Antonio ed a me di riassaporare il “profumo” di uno stadio ai Matrecano “molto caro”. Quindi mercoledi’ sera tre punti per i bianconeri ed agli emiliani auguriamo di sistemare al piu’ presto le loro posizioni e di tornare quanto prima nel calcio che conta, perche’ la citta’, la storia e la cultura della citta’ di Giuseppe Verdi meritano sicuramente palcoscenici di un certo livello e che a noi, fortunatamente e grazie agli sforzi in primis della famiglia Pozzo, sono garantiti da oltre vent’anni.

@Auc Udinese (www.udineseclub.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy