Granada, finisce anche l’era di Quique PIña

Granada, finisce anche l’era di Quique PIña

Quique Piña è stato il braccio destro fai Gino Pozzo, colui che ha gestito la parte sportiva del club. I tifosi rimangono con lui, contro la cessione ai cinesi

Commenta per primo!

Con l’arrivo dei cinesi a Granda finisce anche l’era di Quique Piña.  Arrivato con Gino Pozzo nel 2009,  ha collaborato sfruttando la sua vasta rete di giocatori sotto controllo, è stato colui che ha convinto i dirigenti dell’Udinese a investire nel club, che in quel momento era in rovina economica.

I Pozzo hanno messo il denaro, Piña l’ha gestito al meglio portando il Granada fino alla Primera Division. Oggi, con la cessione del club, finisce la sua avventura a Granada: Piña non ha mai fatto segreto del suo disaccordo con questa cessione e ha cercato fino all’ultimo di trovare un investitore per tenersi il club. Non ce l’ha fatta, Gino Pozzo l’altra sera ha venduto per 37 milioni.

Ma i tifosi rimangono con Piña, come hanno dimostrato anche nella gara col Barcellona dove è stato esposto uno striscione eloquente dedicato a Pozzo: “I sentimenti non si vendono“, c’era scritto.
A Piña va anche la riconoscenza per aver portato avanti la costruzione della Ciudad Deporrtiva, un gioiello.

Oggi finisce anche la sua era. Il Granada parlerà mandarino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy