Watford, Jokanovic: orgoglioso dei miei

Watford, Jokanovic: orgoglioso dei miei

Slavisa Jokanovic dopo il pareggio del Watford col Derby e la perdita del secondo posto (gli Hornets ora sono quarti) ostenta orgoglio e fiducia. “Sì, Devo essere orgoglioso perché abbiamo creduto in noi stessi e devo essere orgoglioso che 3.000 nostri sostenitori credevano che avremmo potuto pareggiare sostenendoci fino alla fine. Questa è una buona notizia in vista delle sei partite che abbiamo di fronte a noi”.

Poi prosegue: “Io sono sempre fiducioso della mia squadra. I giocatori hanno giocato senza mai perdere fiducia, hanno iniziato a credere di essere una buona squadra e oggi credono di essere buoni giocatori. Credono in sé stessi e questo ci ha aiutato a cambiare la nostra situazione nel secondo tempo.”

Il tecnico difende anche Motta che ha procurato un rigore e si è preso il cartellino rosso: “E ‘chiaro che l’arbitro non ha commesso un errore concedendo il penalty, ma per me non è stato corretto espellere il giocatore. Questo è il mio parere, ma l’arbitro ha avuto un’altra opinione “.

Gli Hornets ha iniziato la gara in una formazione schierata col 4-3-1-2, ma a fine primo tempo Jokanovic ha tolto Matej Vydra e presentato Daniel Tőzsér,  passando ad un 4-3-1-1. Su Vydra spiega che ” sarebbe stato troppo giocare con tre attaccanti quando si ha un giocatore in meno. Volevo cambiare uno degli attaccanti e Vydra è arrivato a metà tempo con un problema e questo è il motivo per cui ho deciso di cambiarlo”.

Infine spiega che  “Forestieri ha un problema al ginocchio, all’ultimo momento abbiamo valutato e deciso di non schierarlo”.

La classifica ad oggi per il Watford si presenta così:

[soccer-info id=’20’ type=’table’ style=’blue_dark’ columns=’#,Team,MP,W,D,L,F,A,G,P’ /]

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy