Gazzetta: Il Pordenone scatta, ma l’Entella recupera

Gazzetta: Il Pordenone scatta, ma l’Entella recupera

La squadra di Boscaglia sbaglia tanto
Rosso a Burrai: Tesser resiste in dieci

di Redazione

Il punto sul Pordenone dalle pagine della Gazzetta.

Gol facili? No grazie. Meglio quelli più spettacolari, in rovesciata oppure con tiri secchi da fuori area. Entella e Pordenone hanno scelto questa strada nel confronto tra due neopromosse decisamente in salute. Ne è uscito un match dove i liguri hanno spinto e creato di più. Ma anche dove il Pordenone, pur lasciando l’iniziativa agli avversari, non ha rinunciato ad essere anche propositivo.

CHE ERRORI Certo, l’Entella, alla fine dei conti, ha maggiori motivi per recriminare se non altro per i due pali colpiti e per un finale dove la difesa ospite ha rischiato più volte di capitolare. Per tutti questi motivi, comunque, l’incontro è stato divertente e i due gol ne sono stati i sigilli. Al 20’ l’acrobazia di Strizzolo ha spezzato l’equilibrio. Su cross di Gavazzi l’attaccante si è liberato di Bonini e in rovesciata ha insaccato. Poi è stato Schenetti a fare tutto da solo: ha ricevuto palla a sinistra, si è portato a spasso un po’ di avversari accentrandosi e poi di destro ha fatto partire un siluro da fuori che ha freddato Di Gregorio nell’angolino.

GOL FALLITI Fin qui i gol segnati, tutti e due belli seppur differenti. Ma da raccontare ci sono anche quelli falliti. E l’Entella in questo campo ha davvero esagerato confermando di essere una squadra con difficoltà non tanto a creare, quanto a finalizzare: non ha mai segnato due reti nella stessa partita. Vero è che il Pordenone l’occasione del raddoppio l’ha anche avuta in contropiede (Candellone non è arrivato sul pallone che chiedeva solo di essere insaccato), ma è stata soprattutto l’Entella nel secondo tempo a buttare via di tutto e di più. Manuel De Luca ha colpito due pali e calciato fuori da buona posizione, Morra ha calciato fuori da pochi metri e Poli di testa ha fatto altrettanto. Sotto di un uomo (Burrai, già ammonito, ha mandato a quel paese l’arbitro mentre era a terra), Tesser ha tolto un attaccante (Strizzolo), mentre Boscaglia ha tolto un difensore (Bonini). Ma il forcing finale dei liguri non è servito per arrivare alla vittoria e il Pordenone nel recupero ha anche sfiorato il colpaccio con un colpo di testa, alto di poco, di Camporese e un tiro molto pericoloso di Ciurria ribattuto da Poli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy