Messaggero Veneto: Il segreto del Pordenone? I calci piazzati

Messaggero Veneto: Il segreto del Pordenone? I calci piazzati

Così contro Spezia, Benevento, Venezia e Trapani i neroverdi hanno trovato la via del gol: Tesser può essere soddisfatto

di Redazione

Apertura del Messaggero Veneto dedicata al Pordenone e i suoi segreti:

(…)LE RETIGrazie a una palla inattiva sono arrivate le reti con lo Spezia (piazzato dal regista sardo e inzuccata di Barison), con Benevento e Trapani: in queste ultime due circostanze è stata decisiva l’incornata di Camporese su calcio d’angolo battuto dal numero otto neroverde. Da notare, poi, che il centro di Barison col Frosinone è arrivato a conclusione di un tiro dalla bandierina mentre la firma di De Agostini a Venezia è stata originata da una punizione (sempre battute da Burrai). Il Pordenone va così a raccogliere i frutti di un percorso partito già nel 2016, quando il play-maker ex Cagliari arrivò in neroverde: il suo talento è stato sfruttato al massimo primo da Tedino, poi da Colucci e Rossitto e infine da Tesser per un totale di 45 assist in tre stagioni di C e undici gare di serie B. Numeri e cifre incredibili, che vanno a dare ragione a chi sostiene – corroborato da cifre – che nel calcio moderno è fondamentale curare le palle inattive: il 45 per cento dei gol realizzati ai mondiali di Russia del 2018 sono nati da un calcio da fermo. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy