pordenone

Strizzolo abbatte il Cosenza: il sogno del Pordenone continua

Foto Pordenonecalcio.com

Al Marulla finisce 2-1: neroverdi secondi. Doppietta dell'attaccante nel primo tempo, nella ripresa gol di Lazar prima del rosso a Camporese

Redazione

"Il Pordenone non vuole smettere di sognare: la doppietta realizzata nel primo tempo da Strizzolo regala alla squadra di Tesser il secondo successo esterno a cospetto del Cosenza, che era rientrato in partita grazie al bolide dalla distanza di Lazar. Al Marulla finisce 2-1: i neroverdi resistono anche dopo essere rimasti in dieci nel finale a causa dell'espulsione di Camporese e rimangono al secondo posto, dopo 16 giornate, al debutto in Serie B.

"E' una prova di maturità importante quella che il Pordenone ha fornito in Calabria. Una prestazione da squadra che di partita in partita sembra acquisire sempre più consapevolezza delle proprie capacità, riuscendo a interpretare bene ogni fase di gara, il che significa anche soffrire quando è necessario.

"Dove possono arrivare i ramarri? Difficile dirlo in questo momento. Di sicuro si può dire che l'obiettivo stagionale è sempre più vicino: la salvezza dovrebbe arrivare senza patemi. Spostare l'asticella più in su, una volta conquistata la permanenza in categoria, sarà un piacevole obbligo.

"Anche se la formazione di Braglia non attraversa un gran momento, la sfida del Marulla era insidiosa. Il Pordenone l'ha modellata a proprio piacimento: dopo aver lasciato le fasi iniziali ai rossoblu, ha iniziato a spingere, guidata dai piedi sopraffini di Burrai.

"In nove minuti i friulani hanno ipotecato la vittoria. Al 31' Burrai crossa magistralmente in area, dove Strizzolo stacca alla perfezione: 1-0 meritato, viste le occasioni costruite prima del vantaggio. Il raddoppio si materializza in un amen, è il premio per come il Pordenone aggredisce la partita.

"Corre il 40', lancio divino di Burrai a tagliare il campo, Candellone controlla, punta l'uomo e crossa a centro area dove Strizzolo anticipa il proprio marcatore: apoteosi neroverde.

"Nella ripresa il Cosenza ha l'obbligo di crederci e non si esime da tale dovere. Al 19' miracolo di Di Gregorio su una conclusione a botta sicura di Baez. Gli uomini di Braglia operano la massima pressione e trovano il gol al 29' con Lazar: Di Gregorio non può nulla sul bolide dalla distanza del terzino sinistro, in campo da pochi minuti.

"Nel finale Camporese, contuso dopo uno scontro, secondo l'arbitro ci mette troppo a uscire dal campo: Ghersini estrae due cartellini gialli in pochi secondi. Il Cosenza ci crede, spinge, ma il pareggio non arriva: il sogno del miracolo Pordenone può continuare.

"Massimo Pighin

"COSENZA – PORDENONE 1-2

"GOL: 31′, 40′ Strizzolo, 75′ Lazaar

"COSENZA (4-3-3): Perina; Bittante, Capela, Idda, D’Orazio (72′ Lazaar); Sciaudone, Greco (60′ Litteri), Bruccini; Carretta (46′ Machach), Riviere, Baez. A disposizione: Saracco, Corsi, Broh, Schiavi, Legittimo, Trovato, Monaco. Allenatore: Braglia

"PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio; Vogliacco, Camporese, Barison, De Agostini; Zammarini (83′ Mazzocco), Burrai, Pobega (70′ Pasa); Gavazzi; Strizzolo (59′ Monachello), Candellone. A disposizione: Bindi, Stefani, Chiaretti, Semenzato, Ciurria, Misuraca, Zanon, Bassoli, Almici. Allenatore: Strukelj

"Arbitro Ghersini di Genova, assistenti Affatato di Verbano-Cusio-Ossola e Scatragli di Arezzo. Quarto uomo Robilotta di Sala Consilina.

"NOTE: angoli 10-11. Espulso Camporese. Recupero: 2′ pt, 6′ st.

 

tutte le notizie di

Potresti esserti perso