Udinese, il punto sul mercato

Udinese, il punto sul mercato

Tanti giocatori partiranno, Marino intanto pianifica con Tudor la nuova squadra. Ma prima servirà cedere

di Redazione

Mandragora, Fofana, Larsen, D’Alessandro, Opoku, Zaagelar e Okaka oltre a De Paul naturalmente: sono questi i giocatori che l’Udinese dovrebbe perdere e che dovranno essere rimpiazzati da Marino con elementi di qualità per alzare un tasso tecnico che negli ultimi anni era decisamente calato e non per causa di questi suddetti, ma per una rosa che era stata costruita malamente come abbiamo sempre raccontato.

Mandragora per ora è concentrato sull’Italia U21, poi andrà in vacanza e sarà lì, prima di ricominciare a correre, che vorrà conoscere il suo destino. Piace alla Roma, ma non solo e per la Juve è un pezzo di scambio di assoluto valore. Proprio col club giallorosso c’è in ballo Dzeko, per cui una contropartita valida è da tenere in considerazione in un affare milionario.

Fofana a Udine non ha riscosso favori di critica, ma in Italia pare che piaccia: Milan, la solita Roma, Napoli sembrerebbero interessate, ma si sa che di questi tempi sono più le chiacchiere che i fatti. Non è escluso quindi che il naturalizzato francese possa anche andare al Watford magari in cambio di Pape Alassane Gueye, classe ’99 del Le Havre.

Larsen è un altro pezzo da capitalizzare e su di lui la lista estimatori non manca visto che i laterali di valore sono merce rara: la Lazio in questo caso potrebbe apparire in pole, ma è sempre una questione di offerta. L’Udinese vuole soldi, Lotito vorrebbe sempre offrire contropartite tecniche (Murgia, Cataldi) per abbassare il prezzo.

D’Alessandro è in fine prestito e l’Atalanta sa che a Bergamo sarebbe una pedina utile sia a sé stessa in vista della Champions sia come contropartita magari per Lazzari della Spal. Difficile rivederlo a Udine anche se Marino visti i rapporti con gli orobici proverà a trattenerlo, ma la volontà del giocatore sembra quella di potersi misurare nella massima competizione continentale.

Zeegelaar e Okaka, si sa, faranno ritorno al Watford, mentre per De Paul l’asta è aperta e come sosteniamo da tempo più che il Napoli sono da tenere d’occhio la Fiorentina in Italia (ora c’è Pradè suo grande estimatore) e il Valencia che metterebe sul piatto non 30 milioni come chiede l’Udinese, ma comunque una buona cifra.

Infine Opoku, difensore che andrà in prestito.

Capitolo entrate: per ora Jajalo, ma sono da tenere d’occhio prima di tutti i prestiti di rientro, tra i quali  Pezzella e Adan (per la fascia sinistra), Matos e Machis che dovrebbero tornare in prestito altrove. Poi Balic che nei piani del club dovrebbe trovare definitivamente la maglia da titolare dopo il prestito in Olanda. Ma il mercato vero comincerà  a Luglio, quando Tudor avrà compreso che cosa ha disposizione e quando Marino avrà sfoltito la rosa. Non si compra se non si vende, vale per tutti. Intanto proprio Marino ha incontrato il tecnico per capire le sue esigenze tecniche e iniziare a pianificare alcune trattative che però vedranno la luce a mercato aperto se non ad agosto quando la squadra avrà mostrato pregi e difetti. Il resto sono chiacchiere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy