Bologna, De Leo: “L’Udinese ha grandi doti, bravi nelle ripartenze”

Bologna, De Leo: “L’Udinese ha grandi doti, bravi nelle ripartenze”

L’assistente di Sinisa Mihajlovic, Emilio De Leo, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida tra Bologna e Udinese

di Redazione

ROMA – L’assistente di Sinisa Mihajlovic, Emilio De Leo, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida tra Bologna e Udinese. Ecco quali sono state le sue parole in merito: “Tante assenze? Personalmente non mi è mai capitato. Sappiamo che l’Udinese verrà a giocare la gara con la solita determinazione e la solita aggressività, con la bravura nel giocare in ripartenza. Mihajlovic stesso ha sottolineato che ci vorrà tanto carattere e tanto cuore. Non abbiamo mai utilizzato un alibi e non lo faremo oggi, anzi dev’essere un’opportunità per far vedere quanto questa squadra sia fedele ai principi. Ognuno di noi dovrà dare qualcosa in più, abbiamo le idee chiare, chi va in campo saprà cosa fare”.

Sull’assetto tattico: “Non abbiamo la necessità di effettuare grandi modifiche. All’interno del nostro spartito chi partirà dal primo minuto dovrà applicarsi ma non ci snatureremo”.

Sugli undici: “Come sempre non darò la formazione, anche oggi. Potremmo utilizzare anche Corbo o Juwara dal primo minuto. Inoltre potremmo responsabilizzare qualche ragazzo della Primavera. Non abbiamo preoccupazioni da quel punto di vista”.

Sugli elementi della Primavera: “Preferirei non fare nomi adesso, dobbiamo confrontarci con il mister della Primavera Troise. Credo che per i ragazzi possa essere un’esperienza incredibile. Questa settimana si sono allenati con grande entusiasmo”.

Sulle similitudini tra Udinese e Genoa: “I friulani sono molto più fisici, forse un po’ meno esperti. Il sistema di gioco è simile, sono bravi a compattarsi e a ripartire, hanno grandi doti. Sappiamo cosa ci aspetterà ma vogliamo mettere in campo le nostre qualità riscattando le recenti sconfitte”.

Sulla strategia di inserire un giovane dal ‘1: “Concettualmente ci sta. Si rischierebbe qualcosa in partenza ma avremmo un giocatore più esperto a gara in corso. La cosa più importante è che abbiamo giocatori duttili che ci consente di non essere scoperti. I giocatori sanno bene che dovranno tirare fuori qualcosa in più del solito e su questo siamo sereni”.

Su Skov Olsen: “Dai giocatori di qualità ci si aspetta sempre una crescita. Non è facile per lui la concorrenza di Orsolini però sta lavorando bene, si sta integrando bene nel gruppo. Ricordo lo scetticismo che c’era su Schouten che lui ha spazzato via; dobbiamo essere bravi noi a preservare i più giovani, a tutelarli, a farli crescere. Siamo sicuri che Andreas dimostrerà a breve il suo talento”.

Su Dominguez: “È un giocatore duttile e completo. Anche lui ha bisogno di un certo periodo di tempo per comprendere bene certe dinamiche e capire come giocare al meglio. Deve migliorare e crescere e noi abbiamo tutta la pazienza per aspettarlo”.

Sull’atteggiamento: “Lavorare in un certo modo ci ha fatto ottenere dei risultati, quindi secondo me dobbiamo mantenere con coerenza il nostro modo di giocare. Poi sappiamo che la gestione delle risorse fisiche conta ma credo che siamo sempre molto lucidi e vigili”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy