Con il Verona? Sarà un derby scoppiettante

Con il Verona? Sarà un derby scoppiettante

Una rivalità che nasce dalle sfide degli ormai lontani anni ottanta, dai tempi di Zico e del
Verona dello scudetto e che anche questa volta non tradirà le attese

di Redazione

Questo Verona non fa paura, non può far paura. E’ vero, ha battuto la Juventus in rimonta,
ha una classifica di tutto rispetto che fa l’occhiolino all’Europa, ha un gioco armonioso in
grado di portare al gol quasi tutta la squadra e una difesa che è tra le migliori del
campionato, ed è supportata da una tifoseria calda e casinista, pronta ad invadere lo stadio
Friuli.
E ha Juric.
Juric è riuscito a risvegliare una squadra e la sua tifoseria, riportando entusiasmo dopo
anni difficili, ma domenica troverà di fronte un’Udinese quadrata, forte fisicamente, sicura
in campo, che aspetta solo di sbloccarsi definitivamente, di quantificare in gol la grossa
mole di gioco e di occasioni che crea durante la partita.
I gialloblu hanno saputo rivalutare e rilanciare anche due ex bianconeri, Verre e Faraoni,
troppo frettolosamente lasciati andare via, e un Badu che si sta riprendendo dopo la
malattia che lo ha colpito.
In mezzo al campo ha l’esperto e tecnico Veloso e il tutto fare Amrabat, la vera sorpresa
del campionato, in attacco si è rinforzato portando in gialloblù l’ex rossonero Borini dal
mercato di gennaio.
Ma al di là della classifica e degli schieramenti sarà comunque una partita sentita,
specialmente sugli spalti, da entrambi le parti.
Una rivalità che nasce dalle sfide degli ormai lontani anni ottanta, dai tempi di Zico e del
Verona dello scudetto e che anche questa volta non tradirà le attese.
Sarà sicuramente un derby scoppiettante.

Minotti Paolo

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy