Delneri furioso: queste sconfitte mi fanno inc…

Delneri furioso: queste sconfitte mi fanno inc…

Il tecnico bianconero molto deluso dall’atteggiamento dei suoi ragazzi: “Troppi problemi di attenzione, di applicazione e di personalità”

di Castellini Barbara, @barchettazzurra

Una sconfitta che brucia. Più di ogni altra. Riuscire a raddrizzare il risultato dopo aver subito il doppio svantaggio per mano della Spal e uscire a mani vuote dallo stadio Paolo Mazza ha fatto esplodere tutta la rabbia di Gigi Delneri che a fine partita ha parlato così del secondo ko contro la Spal ai microfoni di Udinese Tv: “Ci sono problemi di attenzione, di applicazione, non siamo maturi, è vero paghiamo a caro prezzo ogni errore, ma questa è una scusante minima. Non abbiamo l’attenzione di capire ciò che si deve fare in campo in base allo svolgimento della gara. Queste cose mi fanno “inc…re”. Noto che queste sconfitte vengon o assorbite passivamente e questo non mi piace, io se perdo così mi inc..o. Mi arrabbio se si perde con l’atteggiamento mentale non consono da un giocatore di calcio“.

Parole dure, dirette a tutti, nessuno escluso. “La Spal ha fatto possesso palla nei minuti finali, non vedo perchè non lo possiamo fare noi – prosegue Delneri -. Un punto non cambiava niente, ma abbiamo speso molte energie per riuscire a pareggiare un incontro compromesso“. Unica nota positiva Antonin Barak: “Sì, ha fatto vedere qualità, ma in questo momento non può giocare 90 minuti”. Sui singoli sottolinea: Samir dopo dieci minuti era già in difficoltà. Fofana nei 5-6 mesi che è rimasto fermo ha perso lucidità e forza fisica. Pensavo che facendolo giocare potesse dare di più, dovrò cambiare qualcosa. Barak ha dato buone indicazioni per il futuro“. Poi rincara la dose: “Mi dispiace buttar via punti per leggerezze mentali, dobbiamo essere sempre presenti, sempre attenti. Qui bisogna rimboccarci le maniche e lavorare sodo. Abbiamo concesso sul 2-0 due palloni evitabilissimi, non abbiamo avuto la forza di spinta. Bisogna leggere bene la partita, far girare la squadra sugli esterni. Loro hanno giocatori veloci ed esperti davanti, di fatto abbiamo perso una partita già pareggiata. Non andiamo mai verso la porta… abbiamo difficoltà a pensare alle soluzioni in attacco e quando non stiamo bene abbiamo meno qualità. Faremo di tutto per riacquistare la mentalità giusta. Dobbiamo saper mantenere l’equilibrio, bisogna saper gestire, nessuno in campo ha la personalità di comando. Vedremo di cambiare qualcosa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy