udinese

L’Udinese grida vendetta: nuova occasione nel “derby della tranquillità” sabato

Fernando Llorente

L'Udinese grida vendetta dopo quanto successo domenica pomeriggio contro la Juventus alla "Dacia Arena", con gli ex Campioni d'Italia

Redazione

L'Udinese grida vendetta dopo quanto successo domenica pomeriggio contro la Juventus alla "Dacia Arena", con gli ex Campioni d'Italia a violare nel finale lo stadio friulano con una doppietta di CR7 tra le polemiche, su tutte quelle del direttore sportivo Marino. Di sicuro la squadra di Gotti è ferita, dopo aver fatto la bocca per tutta la partita ai tre punti contro i più quotati rivali. Quel che è fatto, è fatto. Per fortuna la classifica continua ad essere tranquilla a quattro giornate dal termine, il Benevento (adesso terzultimo) è a -8 con tante squadre nel mezzo e scontri diretti da giocare. Insomma, l'amarezza del risultato scaturito contro la Juventus è solo per una mera questione sportiva e magari per attaccare il decimo posto attualmente a 3 punti del Verona. Obiettivo dichiarato dalla società e da Gotti. Ma non si tratta di punti vitali per la salvezza o altri traguardi. Comunque adesso l'importante sarà focalizzarsi sui prossimi obiettivi, per far passare la rabbia del risultato sfumato.

Con il Bologna "derby della tranquillità"

 Roberto Pereyra

A partire dalla gara di sabato pomeriggio (ore 15) contro il Bologna, di nuovo tra le mura amiche della "Dacia Arena". Si tratterà di un vero e proprio "derby della tranquillità", con entrambe le squadre appaiate a 39 punti all'undicesimo posto. Uno spareggio per vedere chi può sognare la decima piazza. E visto che Mihajlovic lo scorso sabato respingeva il termine di derby alla gara contro la Fiorentina ("Qui sono tutti derby, ne facciamo 10 su 18 squadre. E' assurdo. Derby dell'Appennino, derby di questo, derby di quello. Per me l'unico derby è quello della stessa città"), ecco che anche per questa sfida può esserci l'appellativo di derby. Con buona pace per Sinisa. Ad ogni modo bisognerà ritrovare subito le motivazioni giuste per tuffarsi su una sfida che non avrà la valenza di altri match in programma nel prossimo fine settimana tra corsa Champions e salvezza, ma avrà i suoi perché per essere guardato.