Pinzi: “Sarebbe opportuno trovare un’alternativa alle porte chiuse”

Pinzi: “Sarebbe opportuno trovare un’alternativa alle porte chiuse”

L’ex centrocampista bianconero ospite a Udinese Tonight

di Redazione
“Non riesco a immaginare l’ipotesi di giocare una partita senza tifosi – ha commentato Giampiero Pinzi in merito alla decisione di far giocare Udinese-Fiorentina a porte chiuse – il calcio è passione e sono loro i primi a portarla negli stadi. La situazione è al limite, sarebbe opportuno fare più chiarezza e trovare una soluzione alternativa alle porte chiuse. L’Udinese? Dopo un pari come quello di Bologna la cosa migliore sarebbe poter tornare a giocare subito per mettere in campo tutta la voglia di riscatto”.
Sul pareggio di Bologna: “Al Dall’Ara non abbiamo disputato una gara brillante come quelle precedenti. È stata gestita bene ma con meno intensità delle ultime uscite. Vedo sempre il bicchiere mezzo pieno: c’è rammarico per i due punti persi ma torniamo a casa con un risultato utile maturato su un campo difficile. È vero che il Bologna nella ripresa ha schierato due elementi della Primavera, ma l’undici iniziale era molto competitivo. Purtroppo stiamo pagando ogni errore a caro prezzo: nelle ultime 5 partite abbiamo creato moltissimo e raccolto poco, ma prima o poi ci toglieremo delle soddisfazioni. I ragazzi in allenamento sono eccezionali e questo mi fa ben sperare”.
“Il cambio Lasagna-Jajalo ha fatto sì che la squadra si abbassasse favorendo l’offensiva del Bologna. Sull’azione del gol ci voleva più malizia nell’andare sul pallone”.
“Sema è un giocatore importantissimo: cerca sempre l’uno contro uno, ci dà tanto quando attacchiamo, crea sempre pericoli e salta l’uomo facilmente, ma si sta impegnando molto anche in fase difensiva, sacrificandosi moltissimo per la squadra”.
“Gotti è una persona di gran carisma, mi dà molto spazio all’interno dello staff e cerco di imparare il più possibile dalla sua esperienza”.
Udinese.it
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy