Sampdoria, quando la Var ti vuole bene

Sampdoria, quando la Var ti vuole bene

Grazie all’ausilio della tecnologia i blucerchiati hanno raddrizzato le partite contro Lecce e Udinese

di Redazione

UDINE – Quante polemiche intorno al VAR, spesso il lunedì si parla più delle decisioni arbitrali che di calcio giocato. Ci sono squadre in serie A che benedicono l’utilizzo della tecnologia perché ha permesso loro di evitare episodi avversi che avrebbero potuto compromettere il risultato finale. Ne sa qualcosa la Sampdoria che è stata aiutata, giustamente, in due partite chiave della sua risalita dagli abissi della classifica. Il primo episodio riguarda la sfida di Marassi con il Lecce, i salentini si trovano già in vantaggio per 1 a 0. L’arbitro Massa assegna un calcio di rigore per un presunto tocco di mano di Ferrari, oltre al penalty anche il rosso per il giocatore, salvo tornare sui suoi passi grazie all’ausilio della Var, togliendo sia la massima punizione che il cartellino. Nell’ultima sfida contro l’Udinese, la tecnologia l’ha fatta da padrona, prima permettendo di annullare un goal a Nestorovski e poi assegnando un tiro dagli undici metri ai blucerchiati che ha regalato la preziosa vittoria per 2 a 1 sulla squadra di Gotti.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy