Udinese, Bertotto: “Serve un tecnico credibile, mi fido di Marino”

Udinese, Bertotto: “Serve un tecnico credibile, mi fido di Marino”

L’ex capitano dell’Udinese, Valerio Bertotto, ha parlato a 360 gradi del club bianconero ai microfoni del Messaggero Veneto

di Redazione

L’ex capitano dell’Udinese, Valerio Bertotto, ha parlato a 360 gradi del club bianconero ai microfoni del Messaggero Veneto. Ecco cosa ha detto: “Allenatore? Il momento chiave resta sempre l’organizzazione che si dà al progetto tecnico durante l’estate. Tutto parte da lì, dalla scelta del tecnico cui va dato il tempo di lavorare”

Su Gotti: “Di sicuro c’è che è una soluzione particolare, tenendo conto delle dichiarazioni del diretto interessato che sta rivestendo un ruolo che non sente proprio. Però conosco il dt Marino e dico che fa sempre le cose a ragion veduta”.

Sulle prossime sfide dei friulani: “Fare quattro punti tra Lazio, Juve, Napoli e Cagliari sarebbero un bel bottino”.

Ancora sul tecnico:”Serve un allenatore che sappia entrare in empatia con il gruppo e che sia credibile”.

Su Di Natale: “Innanzitutto ero contento di non averlo come avversario. Quanto alla domanda dico di no: era impensabile, ma ha fatto quello che ha fatto attraverso il suo talento”.

Sul ricordo più bello con la maglia dell’Udinese: “La vittoria di Leverkusen. Eravamo fisicamente a pezzi, la sera prima convocai la squadra in camera e dissi che, non so come, ma dovevamo compiere l’impresa. In spogliatoio scaricai la tensione piangendo per cinque minuti con la testa sotto l’asciugamano”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy