Udinese: difesa a tre o a quattro, unico dubbio per Strama

di Monica Valendino, @Moval1973

L’idea del 4-3-2-1 è nato in amichevole con la Manganese, poi è stato proposto anche in campionato a tratti con la Fiorentina, infine testato nuovamente nell’amichevole in Germania. I risultati sono stati più che convincenti, anche perché col rientro di Pinzi questo modulo consente ad Allan e Guilherme di essere ‘più liberi’. Il risultato è stata una Udinese più spumeggiante, anche se alcuni movimenti sono da registrare davanti.

Con la squalifica di Danilo, Stramaccioni, quindi potrebbe optare per questo modulo dall’inizio. L’idea c’è i giocatori anche. A Marassi Widmer e Silva potrebbero agire da terzini (il brasiliano si sente più a suo agio in questo modulo), con Heurtaux e Wague centrali. In mediana Pinzi, Allan e Guilherme, Davanti Thereau, Kone e Di Natale.

L’alternativa non manca: la squadra bianconero sta bene fisicamente e mentalmente, per cui anche il 3-5-1-1 già collaudato ampiamente può risultare utile. In questo caso Heurtaux e Piris agirebbero in difesa con Wague per la prima volta spostato da centrale. Un ruolo di responsabilità per un giovane che sta facendo molto bene, che ha esordito proprio a Genova, sponda Samp. La differenza sta nella mediana, con le mezzali che anno più responsabilità in fase di non possesso e, quindi, con Guilherme che deve confermare la crescita perché uno dei punti deboli è stato proprio il rendimento non sempre costante del brasiliano in quel ruolo.

Contro il 3-4-3 di Gasperini sarà proprio la mediana (come sempre) a dover dare maggiori garanzie e il 4-3-2-1 consente di costruire una gabbia in mezzo e coprire bene il tridente avversario, pur non rinunciando alla fase offensiva. Ovviamente è un modulo che si basa molto sulle ripartenze, qualità necessaria per cogliere in fallo il Genoa.

Tra oggi e venerdì gli ultimi test, con il 4-3-2-1 che non è solo una proiezione futuro, ma sta diventando anche una necessità presente.
Oggi, intanto, rientreranno Thereau (ieri in permesso), Kone e Karnezis. Solo giovedì, però, Strama avrà a disposizione tutto il gruppo e potrà valutare i giocatori, per poi capire come ‘vestirli’.

©Mu

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy