Udinese, Ekong si scaglia contro il razzismo: “Inacettabile quanto vediamo”

Udinese, Ekong si scaglia contro il razzismo: “Inacettabile quanto vediamo”

Ekong: Il calcio è ora uno sport globalizzato, non c’è spazio per il razzismo e ciò che vediamo in Serie A è inaccettabile

di Redazione

William Troost Ekong è oramai alla seconda stagione a Udine. Sul campo ha alternato alti e bassi anche se  finora è stata una bella esperienza secondo il difensore che si racconta: “Ho avuto poco tempo per adattarmi perché sono arrivato abbastanza tardi ad agosto (2018) e da allora ci sono stati molti aspetti positivi. L’Udinese sta cercando di migliorare come sempre, abbiamo molti giovani giocatori e giocatori stranieri, sono molto felice di far parte di questo gruppo.  Adoro vivere in Italia con la mia famiglia – ha affermato a Soccernet -. Credo nel progetto. Il club mi ha dato molta fiducia e da quando sono qui ho giocato molto, sono migliorato”.

Poi sguardo al futuro: “È difficile dire dove finiremo alla fine della stagione, abbiamo bisogno di maggiore coerenza di risultati. Da quando sono qui, abbiamo avuto quattro allenatori. Sono cambiate diverse filosofie di lavoro e gioco. Ora la squadra sta iniziando a stabilizzarsi e molti giocatori della scorsa stagione sono rimasti qui, quindi siamo riusciti a conoscerci meglio. Gotti, è molto bravo per la squadra e speriamo di poter salire in classifica  perché abbiamo molta qualità. Ma abbiamo solo bisogno delle basi giuste per far brillare tutti“.

La Serie A e il razzismo, tema caldissimo:  “Non ho sperimentato personalmente il razzismo da quando sono venuto qui, ma ovviamente ne leggi qualcosa ogni giorno. Lo abbiamo visto in alcune partite con giocatori diversi. Non c’è posto per il razzismo nel calcio. Io vengo da una cultura  multiculturale, sono cresciuto in diversi paesi, ho visto molte cose diverse. Il calcio è ora uno sport globalizzato, non c’è spazio per il razzismo e ciò che vediamo in Serie A è inaccettabile“.

Poi il sogno Nazionale con la Nigeria. “Penso che dopo la Coppa del Mondo, quando tutti noi abbiamo avuto l’esperienza di giocare in un torneo importante per la prima volta, eravamo in pochi a giocare prima squadra. Anche durante il torneo, abbiamo avuto alcune piccole battute d’arresto e situazioni difficili. Come paese, dobbiamo considerare tutti i giocatori con radici nigeriane. Sono grato per questo, altrimenti non giocherei per la Nigeria se considerassero solo i giocatori  casa. Fa anche parte del calcio moderno. Sono nato all’estero, ma mio padre è nigeriano, quindi sono nigeriano di prima generazione nato all’estero.  Tuttavia, credo fermamente che debbano esserci maggiori investimenti nell’NPFL. A lungo termine, la cosa migliore sarà avere una grande piattaforma per i giocatori in Nigeria per mostrarli nel mondo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy