Udinese, Gotti e la tentazione 4-3-3 per la Juve

Udinese, Gotti e la tentazione 4-3-3 per la Juve

In caso di 3-5-2 Opoku di nuovo in campo credibilmente, mentre in mezzo non cambierebbe nulla se non l’uso di Ter Avest a destra e Sema a sinistra. Nestorovski e Teodorczyk in questo caso coppia offensiva.

di Redazione
Udinese: mister Luca Gotti

L’Udinese a Torino per la Coppa Italia nonna intenzione di andare a fare una scampagnata, anche se le difficoltà dell’incontro (a gara unica) sono conosciuti. Ma con una classifica finalmente che volge al sereno Gotti può scegliere ovviamente tra chi ha giocato di meno, ma non per questo mandando in campo un undici che non se la possa giocare, anche perché pure Sarri probabilmente attingerà al turnover. In questi casi parlare di probabile formazione è sbagliato, più facile dire possibile formazione visto che i ragionamenti dei tecnici sono tenuti in cassaforte per ovvi motivi.

Ma da quel che trapela in porta in casa bianconera 1896 potrebbe esordire Nicolas, anche se questa scelta verrà fatta di comune accordo con i diretti interessati. Possibile che Gotti possa azzardare anche un 4-3-3 per valutare l’impatto di un modulo stuzzicante in una partita che richiede massima concentrazione: superare l’esame in queste gare (al di là del risultato finale) potrebbe avere ripercussioni anche sul campionato, con la squadra che acquisirebbe fiducia in sé stessa e in un modulo ad oggi sconosciuto, ma che potrebbe offrire soluzioni inaspettate.

Se così fosse allo Stadium dietro potremmo vedere Larsen e Sema terzini, mentre come centrali si preferirebbe la fisicità e le incursioni su palle inattive di De Maio e Becao. In mezzo Jajalo è previsto inizialmente di nuovo davanti alla difesa, mentre come mezzali anche Barak potrebbe recintare per far coppia con Mandragora, l’ex che spera a giugno di tornare a Torino magari con convocazione azzurra per gli europei. Davanti Nestorovski, Teodorczyk e Lasagna per un tridente che sappia anche difendere perché se davvero Gotti opterà per questa soluzione il rischio di sbilanciarsi davanti sarebbe deleterio.

In caso di 3-5-2 Opoku di nuovo in campo credibilmente, mentre in mezzo non cambierebbe nulla se non l’uso di Ter Avest a destra e Sema a sinistra. Nestorovski e Teodorczyk in questo caso coppia offensiva.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy