Il Gazzettino: Gotti non è un caso isolato

Il Gazzettino: Gotti non è un caso isolato

Anche il Bayer come l’Udinese con Gotti

di Redazione

apertura de Il gazzettino su Gotti e i precedenti simili:

La vicenda di Luca Gotti ormai è diventata notizia su cui tutti stanno dicendo la loro. Tra rinvii, deroghe e conferme a tempo, l’evoluzione dei fatti sta diventando quantomeno inusuale. E solo perché al momento Gotti non ha ancora raccolto la richiesta, più o meno esplicita, della società di cambiare ruolo. Al di là della scarsa passione per i riflettori, Gotti sa che accettare un cambia- mento del genere potrebbe creare stravolgimenti. Il caso più vici- no nel tempo, quasi contempora- neo, riguarda il Bayern Monaco: la società bavarese il 3 novembre ha esonerato Niko Kovac e pro- mosso al suo posto Hans-Dieter Flick, che dopo un positivo esordio (2-0 contro l’Olympiakos in Champions League e 4-0 in Bundesliga contro il Borussia Dortmund), il 10 novembre diviene al- lenatore della squadra “fino a nuovo avviso”, usando le parole di Karl-Heinz Rummenigge. Scel- ta forte, se si considera che tra i papabili successori c’erano José Mourinho, Max Allegri e Arsene Wenger. Nasce come secondo “di lusso” anche Zinedine Zidane, che nel 2013/2014 era il vice di Carlo Ancelotti e poi, dopo un an- no e mezzo di esperienza nella se- conda squadra della società, fu chiamato a sostituire Rafa Benitez vincendo poi una Liga, una Supercoppa Spagnola, tre Champions (record condiviso con Bob Paisley e Carletto Ancelotti), due Supercoppa Uefa e due coppe del mondo per club: un palmares incredibile. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy