Messaggero Veneto: L’Udinese può tenere in vita il campionato

Delneri senza Thereau dovrà puntare sul modulo a “fionda”

di Redazione

Il punto su Udinese-Juventus del Messaggero Veneto:

“L’Italia del calcio guarda al Friuli. Allo stadio Friuli tutto esaurito oggi per la sfida con la Juventus. Perché la rincorsa scudetto passa di qui: dopo lo squillo del Napoli all’Olimpico di Roma, solo l’Udinese può evitare quella che ha tutta l’aria di essere la fuga decisiva per il tricolore. Se davanti ad almeno ottomila “intrusi” sugli spalti dei Rizzi la squadra di Allegri non frenerà, allora, con 10 punti di vantaggio, potrà cominciare ad amministrare le forze in chiave Champions e spegnere gli ultimi lampi di entusiasmo su un torneo dominato dall’inizio alla fine. Ecco perché questo pomeriggio ci saranno gli occhi degli appassionati della pedata sui bianconeri, quelli dal 1896. Le motivazioni. Con questo preambolo è facile capire che non mancheranno. Se qualche volta l’Udinese ha dato l’impressione di gigioneggiare un po’ sul campo, “pupazzandosi” tra le sicurezze di una classifica inattaccabile ormai in chiave salvezza anche se per chiudere la stagione manca un secolo, dodici giornate. Con Roma, a Empoli, contro il Sassuolo – per esempio – la squadra di Delneri ha deluso sotto il profilo della concentrazione, del fuoco agonistico che deve per forza ardere se vuoi fare risultato in serie A. Altre volte è stata poco fortunata, commettendo poi errori decisivi (Inter e Fiorentina) o venendo punita da sviste arbitrali come è successo la scorsa domenica in casa della Lazio. Morale della favola, quattro punti in tutto il 2017, in otto partite: tre solo nella gara contro il Milan, davanti a un altro pienone sulle tribune del Friuli. Punto di domanda.È soprattutto il fiuto del gol il grande assente in casa Udinese. Quattro palloni sono finiti nel sacco degli avversari in questo anno solare ricco di delusioni. E se oggi Cyrill Thereau non sarà neppure in panchina questa è indubbiamente non è una buona notizia per Gigi da Aquileia che, comunque, nelle ultime giornate aveva dovuto gestire un giocatore davvero in difficoltà fisica, complici gli acciacchi a un ginocchio. Il francese è tuttavia il bomber dell’Udinese (9 reti e 2 assist in 23 gare) e vista lo scarso feeling con il gol di Duvan Zapata ecco che l’Udinese oggi dovrà puntare su un modulo “a fionda” per sorprendere la Juventus. Le scelte. Delneri ha giocato a nascondino nelle ultime ore. Ewandro (al posto di Thereau) è una tentazione, ma il brasiliano è troppo acerbo per due controllori come Barzagli e l’ex Benatia (o Chiellini), così il tecnico friulano potrebbe partire con il suo 4-1-4-1 spalmando quattro centrocampisti alle spalle del centravanti. Un modulo che spesso l’Udinese utilizza in corsa, modificando il suo 4-3-3. Un’ipotesi che vedrebbe la solita linea difensiva a protezione della porta di Karnezis: Widmer, Danilo, Felipe e Samir. Davanti, per quello che è il ruolo di libero di centrocampo, l’islandese Hallfredsson, decisamente più utile, per prestanza atletica di Kums, che potrebbe essere dirottato invece in mezz’ala, anche se da quelle parti Badu e Fofana sembrano favoriti per un posto. Mancano le ali, De Paul da una parte e (forse) Jankto dall’altra. Questi i nomi nel pentolone dello chef Gigi che mescolerà la ricetta fino all’ultimo.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy