Messaggero Veneto: Nestorovski, primi gol L’Udinese 2 segna e diverte

Messaggero Veneto: Nestorovski, primi gol L’Udinese 2 segna e diverte

A segno anche “Teo” e Cristo”, Tudor lascia fuori i reduci dal match col Besiktas
Sotto gli occhi di Gianpaolo Pozzo buona intesa in avanti tra polacco e macedone

di Redazione

L’analisi del Messaggero dopo l’amichevole con il Muzzana.

Rodrigo De Paul non c’è. A riempie gli occhi al tifoso dell’Udinese che sceglie di trascorrere un pomeriggio di inizio agosto allo stadio di Manzano ci pensa Ilija Nestorovski. Niente numeri d’alta scuola, ma concretezza allo stato puro quando si tratta di dover calciare in porta. L’esempio migliore al 10′ quando, su una palla filtrante di Teodorczyk, l’attaccante macedone, senza mai guardare la porta, fa partire un diagonale sinistro che si va a infilare nell’angolino sul palo lungo. L’avversario non sarà di pari categoria, ma un’esecuzione così sarebbe stata difficile da contrastare anche per una difesa di serie A. Nestorovski si prende la scena in una partita che ha come scopo principale quello di far mettere nelle gambe più minuti possibile a quei giocatori che ne hanno maggiormente bisogno a cominciare da Balic e Barak, gli unici che si sciroppano gli interi 90′ assieme a Nicolas e Sierralta. Il croato viene impiegato regista basso, il ceco mezzala destra. Come tutta l’Udinese all’inizio entrambi soffrono un po’ per uscire alla distanza quando il Cjarlins/Muzane cambia l’intero undici di partenza. Alla fine tutti contenti: Tudor per come la squadra ha cercato di macinare gioco fino alla fine, Moras per l’esperienza fatta dai suoi ragazzi, pericolosi nei primi 45′, dopo quella di qualche giorno fa con il Venezia (3-1 per i veneti). L’Udinese, come ventiquattro ore prima con il Besiktas, viene proposta da Tudor con il 3-5-2. Nella formazione ci sono anche due Primavera: il difensore centrale Mazzolo, e l’esterno sinistro Lirussi costretto a uscire dopo pochi minuti. Davanti “Teo” e “Nesto” funzionano: il polacco fa più la prima punta, il macedone gli gira intorno e la sensazione è che al suo fianco possano giocare con buoni risultati tutte le altre punte bianconere.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mik - 4 mesi fa

    Nessuno cita mai Coulibaly anche se sta giocando benissimo. Farà strada.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy