Messaggero Veneto: Quattro punti di vantaggio proprio come un anno fa, l’Udinese deve accelerare

Messaggero Veneto: Quattro punti di vantaggio proprio come un anno fa, l’Udinese deve accelerare

Dodici mesi fa alla 5ª di ritorno la terz’ultima era il Bologna, adesso c’è il Genoa
Il Crotone tre stagioni fa rimontò nove lunghezze sull’Empoli che retrocesse

di Redazione

L’apertura del Messaggero Veneto sull’Udinese.

Quattro punti di vantaggio sulla quart’ultima, esattamente come un anno fa. Passano i campionati, si cambiano gli allenatori, si migliora la squadra ma di fatto l’Udinese continua a ritrovarsi sempre nella stessa situazione. A febbraio 2019, dopo la vittoria casalinga sul Chievo grazie a un rigore conquistato da Pussetto, e trasformato solo su tap-in da Teodorczyk, De Paul e compagni salirono a quota 22 assieme alla Spal e una tacca sopra l’Empoli. La terz’ultima, oggi come ieri, era una squadra con i colori sociali rossoblù: un anno fa il Bologna, che Mihajlovic stava riportando fuori dalle secche della bassa classifica, oggi il Genoa allenato da quel Nicola che un anno fa sedeva sulla panchina bianconera.Al di là dei strani incroci (il prossimo avversario dell’Udinese sarà proprio Sinisa), resta evidente come i ragazzi di Gotti nelle prossime gare debbano pigiare sull’acceleratore se non vogliono ritrovarsi a dover soffrire come la scorsa stagione fino all’ultima giornata. Il salto di qualità i bianconeri avrebbero potuto farlo all’inizio del girone di ritorno quando erano reduci da tre vittorie consecutive. Forse qualcuno potrà obiettare che è esagerato dirlo adesso, ma quella partita persa nel recupero a San Siro, rischia di essere il momento spartiacque del campionato dell’Udinese. Tre punti avrebbero cambiato tutto: autostima, entusiasmo dell’ambiente, prospettive. Le prossime due partite con Bologna e Fiorentina possono essere viste come l’ultimo tentativo per salire sul treno della relativa tranquillità.Considerando che ci sono in palio ancora 42 punti e che la terz’ultima in classifica, il Genoa ne ha 22, la quota salvezza al momento si è alzata. Per non correre rischi bisogna arrivare a 40 e non a 38 come si diceva alla fine del girone d’andata. É vero l’Udinese avrà il vantaggio di disputare gli scontri diretti con le tre squadre che la inseguono (il Lecce e le due genovesi) in casa, ma se non si vuole arrivare a giocare quelle gare come se fossero degli autentici spareggi, bisogna fare punti adesso. Anche mister Gotti, persona intellettualmente onestissima, lo ha detto più volte.Andando a rivisitare la storia degli ultimi quattro campionati, si scopre che solo nella stagione 2015-2016 le squadre che occupavano gli ultimi tre posti alla 24ª giornata, si sono ritrovate in quella posizione anche alla 38ª. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy