MV: “Udinese, tutta colpa della mira ma l’Hellas non riesce a passare”

MV: “Udinese, tutta colpa della mira ma l’Hellas non riesce a passare”

“Al Friuli non segna da oltre un mese (contro il Sassuolo): Lasagna si mangia almeno un paio di occasioni e finisce pari”

di Redazione

L’analisi del Messaggero Veneto su Udinese H. Verona:

A calcio l’Udinese ha chiuso sullo 0-0 contro il Verona, non un disastro, considerando il momento della squadra di Juric, non un toccasana, visto che il rumore degli zoccoli alle spalle si può ascoltare in modo distinto. Certo è che se al posto delle tradizionali porte da 7,32 metri per 2,44 ci fossero quelle del rugby con i due pali altissimi, la Zebretta adesso sarebbe in una botte di ferro. Sì, il buon Kevin (Lasagna) calcia come faceva il mitico Diego (Dominguez), spesso e volentieri sopra la traversa, solo che – questione di regole e sport – nel football così non fai punti. Che, detto in modo chiaro e senza giri di parole, è il difetto dell’Udinese nel girone di ritorno. Gioca, costruisce diverse palle-gol, ma non segna più (ultima rete in casa più un mese fa col Sassuolo) e adesso è a quota 26 e ora con la zona retrocessione a soli 4 punti. Riportando il mirino della critica su Lasagna, il rischio è che ora finisca sotto il fuoco amico: quando un attaccante non trova la via del gol, anche il pubblico di parte perde la pazienza, riversando il proprio disappunto ad ogni errore, anche minimo, della punta in crisi. Considerando che in panchina Gotti non ha molto da proporre, oltre a un Nestorovski tutt’altro che convincente e a un Teodorczyk formato Ufo (per la serie: oggetto volante non identificato), bisognerà continuare a sperare nella resurrezione del già citato numero 15, più che di Okaka che bomber non è mai stato. De Paul continua ad alternare giocate di buona fattura ad errori marchiani. Juan Musso, l’altro gaucho in bianconero, stavolta è stato invece il migliore in campo. Dopo qualche mezza delusione (il secondo gol incassato a Parma in particolare) il portiere argentino ha salvato il “punticino” almeno una volta per tempo, ieri allo stadio Friuli. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy