Udinese, i voti degli altri

Udinese, i voti degli altri

Svetta su tutti la prestazione da applausi di Juan Musso

di Redazione

MESSAGGERO VENETO

7 Musso La fiducia pubblicamente manifestatagli da Gotti alla vigilia sembra averlo scosso in maniera positiva. Balza come un felino ad anticipare Faraoni che sta per approfittare di un retropassaggio con il petto di Sema e soprattutto con un doppio balzo respinge il colpo di testa di Kumbulla e nega il tap in vincente a Verre. Decisivo anche quando riesce a far ritardare la conclusione di Zaccagni. Prova importante davanti al connazionale ed ex idolo del Friuli Nestor Sensini.

6 Becao Buoni anticipi e un paio di chiusure da applausi, utile sui palloni alti, ma all’inizio si era perso per strada Borini.

6 Ekong Partita attenta e diligente considerando anche che non aveva dei punti di riferimento. Sbaglia a far rimbalzare il pallone nell’azione che porta al suo giallo.

7 Nuytinck Attento e diligente in fase difensiva, mezzo punto in più perché suo il piedone che respinge sulla linea la conclusione di Zaccagni.

6 Stryger Larsen Deve vedersela con un cliente scomodissimo come Lazovic. Inevitabile qualche sofferenza, forse poteva essere più incisivo in un paio di puntate nella metà campo avversaria.

5,5 De Paul Lo fermano con le cattive anche quando non serve, lui, però, risulta poco incisivo dalla metà campo in avanti.

6,5 Mandragora Partita di sostanza. Sempre aggressivo sul portatore di palla. Buona la sua centesima in serie A.

6 Fofana Primo tempo vivace, suo il cross per la girata di Lasagna, nella ripresa cala e perde anche quella lucidità necessaria per fare male all’avversario.

5,5 Sema Poco servito, ma quando ha palla non incide. E anche dietro qualcosa concede.

6 Okaka Rallenta troppo il gioco in parecchie occasioni ma le due sponde d’oro per Lasagna e Ter Avest portano la sua firma.

5 Lasagna Una girata moscia, due sinistri in curva di cui uno da ottima posizione. Centra il palo pure in fuorigioco. Niente di nuovo: impegno tanto, mira pessima.

5,5 Ter Avest Non si può vedere un giocatore di serie A passare la palla al portiere invece di tirare.

SV Jajalo Nove minuti recupero compreso. Troppo pochi per dare un giudizio.

 

GAZZETTA DELLO SPORT

IL MIGLIORE 7 Musso Pomeriggio da beatificazione, doppio miracolo nel primo tempo e bravo a spaesare Taccagni.

6 Becao Gara di applicazione mentale visto che a sinistra il Verona aveva deciso di attaccare.

6.5 Ekong Pur senza un riferimento continuo tiene distanze e tempi delle chiusure.

6.5 Nuytinck Due chiusure fondamentali e il salvataggio sulla linea di porta.

6.5 Stryger Larsen Nel primo tempo stuzzica Lazovic con una discesa, resta comunque sempre vigile nel non scoprire la sua zona.

5.5 De Paul Tanti cross e tante palle perse (19). Il piano di Juric ha funzionato e lui ha faticato.

5.5 Mandragora Lineare i costruzione, non spicca per illuminazione. Incassa 5 dribbling quando il Verona ribalta l’azione.

6.5 Fofana Si prende la responsabilità di puntare l’uomo e il 63% delle volte gli va bene (s.v. Jajalo).

6.5 Sema Era stato individuato come il lato debole su cui ribaltare l’azione per arrivare al gol, ma dal Verona che però non sfonda (s.v. Ter Avest)

6 Okaka Tante sponde, poca visione di gioco. Ma non si può avere tutto e lui è utile per ciò che fa.

5.5 Lasagna Friabile al tiro e non salta mai l’uomo.

6 All. Gotti Un gol nelle ultime 4. Per ora è una squadra di corsa e fatica, ma se la classifica si accorciasse servirà altro.

 

EUROSPORT.COM

Juan MUSSO 7 – Saracinesca nel primo tempo. Il doppio intervento sull’incornata di Kumbulla è da applausi, soprattutto per la smanacciata che impedisce a Verre di infilare il tap-in.

Rodrigo BECAO 6,5 – Al rientro dopo l’ultima panchina fa un buon lavoro in copertura. Premiato dal senso della posizione.

William TROOST-EKONG 6,5 – Senza fronzoli forma una bella diga con i compagni di reparto. Spende un giallo su un contropiede avversario.

Bram NUYTINCK 7 – Salva un gol nel finale, quando Zaccagni spreca una ghiotta chance. Respinge sulla linea di porta e fino ad allora non aveva mai tremato.

Jens Stryger LARSEN 5,5 – In fase propositiva si fa vedere, ma concede troppo dietro alla catena di sinistra del Verona.

Rodrigo DE PAUL 6,5 – Quanti falli gli fanno? Il leader tecnico dell’Udinese subisce un trattamento “speciale” per tutta la partita. Dovrebbe essere più tutelato dagli arbitri.

Rolando MANDRAGORA 5,5 – Poco ispirato, non tenta quasi mai la conclusione e lotta con scarsa convinzione.

Seko FOFANA 6 – Quantità e qualità ci sono, anche se gli manca la stoccata finale. In ogni caso non demerita (dall’86’ Mato JAJALO s.v.).

Ken SEMA 5,5 – Altalenante, subisce la corsa di Faraoni che è un cliente scomodo (dal 78’ Hidde TER AVEST s.v.).

Stefano OKAKA 6 – Di sponda offre un paio di palloni invitanti a Lasagna e svaria su tutto il fronte offensivo. Risultato? Tanto sacrificio ma poco arrosto.

Kevin LASAGNA 5 – Ci prova in più occasioni ma il rapporto con la porta resta conflittuale. A volte è impreciso, altre scivola calciando verso la porta, altre ancora centra il palo solo davanti al portiere. Si fa pizzicare in off-side sul gol annullato. Momento no.

All. Luca GOTTI 6 – Una buona Udinese fa bella figura con il Verona ma mancano, negli ultimi tempi, due elementi fondamentali: il gol e la vittoria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy