Basket, APU: Benvenuto al “timoniere” Lardo

Basket, APU: Benvenuto al “timoniere” Lardo

Anche se il campionato è ancora lontano, da oggi è ufficialmente iniziata la stagione in casa Gsa Udine. Smaltita la delusione per il mancato approdo “diretto” in A2 via Roseto, Ravenna o Recanati, la società di Alessandro Pedone ha deciso di investire in primis su un allenatore di esperienza, Lino Lardo. MicalichPedoneLardo“Fondamentale è stato trovare un coach con l’esperienza per una società ambiziosa come la nostra – ha dichiarato Pedone -. Ringrazio Lino per aver creduto nel nostro progetto. Ha allenato ai massimi livelli. Il coach ha voglia di divertirsi, di mettersi in discussione. Abbiamo “perso tempo” a cercare possibilità di approdo in diretto in A2, ma questo è stato uno stimolo ulteriore per la nuova stagione. Abbiamo i tifosi, la struttura, ci mancava solo il timoniere. Benvenuto, quindi, al timoniere Lino Lardo”. Nel curriculum di Lardo spiccano le esperienze all’Olimpia Milano, alla Virtus Bologna e alla Virtus Roma. “Mi metto in discussione in una categoria inferiore – le prime parole da neo-tecnico della Gsa – ma la società ha un’organizzazione che meriterebbe ben altra categoria. Quando sono stato contattato da Davide (Micalich, ndr), non ha fatto fatica a convincermi. Dopo il primo colloquio con il presidente, non ho avuto più dubbi. Sono considerato uno abbastanza “duro” per il rispetto delle regole nello spogliatoio, per me la cosa importante è sempre la forza del gruppo. Più che il valore tecnico, conterà la persona nelle scelte dei giocatori. Vorrei gente che giochi per la maglia. Ovviamente devono avere requisiti tecnici”. L’ultima avventura a Trapani non è stata delle migliori. “Sono reduce da un anno difficile – conferma Lardo -, proprio perché abbiamo sbagliato qualche scelta. Ció che conta qui sarà capire subito le motivazioni. Dovremo costruire una mentalità. Daró sempre il 100 per cento. Non andremo a rincorrere giocatori che non siano convinti totalmente di venire a Udine. La tattica? Le mie squadre giocano insieme, tutti sono importanti. Sono convinto che la fase difensiva sia il punto di partenza. Voglio convincere i giocatori che difendere forte significa attaccare meglio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy